F1 2011: Brawn parla di pit stop e strategie

Formula 1 2011: il re delle strategie Ross Brawn ci dice la suo opinione sui pit stop che vedremo nei prossimi Gran Premi

da , il

    ross brawn formula 1 2011

    Ross Brawn parla delle tattiche e delle principali novità tecniche della stagione 2011 di Formula 1. Il team principal Mercedes è unanimemente riconosciuto come il mago dei regolamenti, il genio delle strategie. Si è costruito questa fama indovinando soluzioni che hanno sfruttato qualche punto oscuro del codice (vedi doppio diffusore) e realizzando capolavori sportivi in gara, soprattutto quando ad assecondare le sue visioni mistiche c’era un certo Michael Schumacher. Accantonata la premessa, direi che delle sue opinioni possiamo fidarci…

    F1 2011. L’argomento di maggior richiamo in questa lunga marcia di avvicinamento alla stagione 2011 di F1 è il degrado degli pneumatici Pirelli. Degrado decisamente più elevato rispetto ai Bridgestone del 2010. Nonostante molti piloti si siano lamentati di dover effettuare, stando alle loro simulazioni, addirittura quattro pit stop in gara, secondo Ross Brawn, il numero giusto di fermate per il cambio gomme è tre:“Se qualcuno ha la necessità di doversi fermare per ben quattro volte a cambiare le gomme, forse il problema è che lo stile di guida di quel pilota è troppo aggressivo e sarebbe difficile recuperare il tempo perso nelle soste extra”. Secondo il team principal Mercedes, le quattro soste sono troppe. Non è escluso, però, che in qualche circostanza possano rappresentare la strategia vincente:“Dipende dalla pista, alcuni circuiti richiedono meno soste. Dipende dalla circostanze, se il modello di simulazione dimostra o meno che le quattro soste sono piu’ veloci”, ha spiegato.

    ROSS BRAWN. Il capo della scuderia Mercedes GP affronta anche il tema degli scarichi frontali. Sono loro l’invenzione del 2011. “E’ un’area significativa e forse piu’ importante rispetto al doppio diffusore in termini di prestazioni e di sicuro i team stanno lavorando tutti con i loro motoristi per capire come trarre il meglio dall’energia degli scarichi, questa è una nuova area di sviluppo interessante”, ha detto Brawn definendosi affascinato dallo spirito di innovazione che anima la Formula 1. Ricordiamo che dal 2013 anche questa soluzione sarà bandita dal regolamento che imporrà alle squadre l’utilizzo di un solo terminale di scarico. Nel frattempo, ci godiamo la sensazione di essere di fronte ad una trovata intelligente e perfettamente lecita, non destinata a creare polemiche:“E’ molto raro vedere gente barare in F1, quello che fanno gli ingegneri, e quello che mi aspetto dai miei ingegneri, è spingere al limite nei limiti del consentito. E ovviamente il doppio diffusore era al limite. Gli scarichi non credo siano al limite, penso siano un’idea intelligente e non vedo alcun problema regolamentare quindi non dovrebbero esserci polemiche”, ha concluso Brawn.