F1 2011: corsa agli ultimi posti

Mancano meno di due mesi all'inzio del mondiale 2011 di Formula1 e i sedili disponibili sono rimasti davvero pochi

da , il

    digrassi

    Pedro de la Rosa, Lucas di Grassi e Daniel Ricciardo. Cos’hanno in comune questi tre piloti? Per ora il fatto che nessuno di loro è un driver ufficiale del Circus, ma se i primi due hanno già solcato i circuiti del mondiale di Formula1 nel 2010 (e oltre, andando indietro nel tempo), il terzo potrebbe farlo molto presto. Il 13 marzo si avvicina, giorno in cui la stagione 2011 prenderà di nuovo il via con il gran premio del Bahrain, e i posti vacanti per un posto da titolare sono ormai ridotti all’osso. Lo spagnolo dice di aver rifiutato un posto all’HRT, il brasiliano è determinato a fare ritorno nella massima categoria, mentre il giovane australiano potrebbe finalmente compiere il salto di qualità…

    PEDRO DE LA ROSA. Dopo l’addio alle competizioni nella massima categoria nel corso della stagione 2010 (il trentanovenne spagnolo era stato appiedato dalla Sauber a sole cinque gare dalla fine), e dopo undici anni di carriera in Formula1, de la Rosa ha fatto sapere che poco probabilmente farà ritorno al Circus all’inizio della prossima stagione, dopo aver rifiutato un posto all’HRT, uno dei pochi team ancora con un sedile vacante a disposizione. “L’HRT per me non è un’opzione valida”, ha dichiarato lo spagnolo, attualmente impegnato con il suo ruolo di collaudatore per le gomme Pirelli. “Non so cosa accadrà in futuro, ma come sempre sono alla ricerca di un posto in Formula1. Pirelli ha in programma altri test nel corso dell’anno e forse continuerò a provare gli pneumatici per loro, forse sarò un pilota ufficiale o forse una riserva per qualche team. Le prossime settimane saranno molto importanti per decidere del mio futuro”.

    LUCAS DI GRASSI. Nessun posto da collaudatore invece per il giovane brasiliano, anche lui però in cerca di un sedile libero per la prossima stagione, dopo che non è riuscito ad aggiudicarsi la conferma per quello alla Virgin Racing, suo team nel 2010, l’anno di esordio per entrambi. Fortunatamente di Grassi, nonostante le difficoltà incontrate nel suo anno da rookie, è riuscito ad impressionare con le sue performance anche in situazioni difficili, e durante i suoi due anni come tester alla Renault: per questo l’esperienza accumulata potrebbe favorirlo nella ricerca di un posto come terzo pilota. “I miei piani sono quelli di rimanere in Formula1 quest’anno: sto parlando con alcuni team per trovare la soluzione migliore”, ha dichiarato l’ex pilota della Virgin. “Non solo per il 2011, ma ho bisogno di un’opportunità per poter poi tornare ad occupare un posto da pilota ufficiale nel 2012”.

    DANIEL RICCIARDO. C’è ancora un po’ di strada da fare invece per Daniel Ricciardo, che attualmente ricopre il ruolo di pilota di riserva alla Red Bull e alla Toro Rosso. Il giovane australiano potrebbe debuttare però in pista nel corso di un gran premio già in questa stagione. Almeno questo è il desiderio di Helmut Marko, consulente sportivo del team del bibitone. “Tutto dipenderà dalle parti coinvolte”, leggi Sebastian Buemi e Jaime Alguersuari, piloti ufficiali della Toro Rosso. “I programmi sono comunque quelli di far debuttare Daniel in gara nel 2012”. Per quest’anno Ricciardo dovrà accontentarsi di guidare nelle libere del venerdì, ma il duo del toro è avvisato…