F1 2011: è festa Ferrari a Silverstone, Montezemolo commosso

Formula 1 2011: immagini e commenti della festa Ferrari a Silverstone dopo la vittoria di Fernando Alonso nel Gran Premoi di Gran Bretagna

da , il

    1951-2011: 60 anni dopo José Froilan Gonzalez, per la Ferrari arriva ancora una vittoria sul circuito di Silverstone per il Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Stavolta l’eroe del giorno si chiama Fernando Alonso. Sale a 216 il numero di gare vinte dalle vetture di Maranello nella massima categoria motoristica internazionale su un totale di 821 eventi disputati. Il pilota spagnolo raggiunge quota 27 successi su 168 GP. Nella classifica di tutti i tempi è raggiunto Jackie Stewart al quinto posto. Nel paddock di uno degli autodromi più antichi del mondo è grande festa.

    FERRARI – MONTEZEMOLO. Il primo a parlare è il presidente Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo:“Finalmente! – è il suo esordio – Sentire suonare l’inno d’Italia a Silverstone, proprio dove vincemmo la nostra prima gara in Formula 1 mi ha commosso in maniera particolare. Questa è la Ferrari, una squadra che combatte sempre e non si arrende mai, ai vertici da sessant’anni. Voglio ringraziare Domenicali e tutta la squadra. Fernando è stato bravissimo, facendo una gara straordinaria e anche Felipe è stato bravo, combattendo fino all’ultimo.”

    FERRARI – DOMENICALI. “Questo risultato viene da lontano, non è certo il frutto di un miracolo. Abbiamo reagito ad un inizio di stagione molto difficile, lavorando con grande impegno e determinazione, tutti, anche chi non lavora più insieme a noi”, Stefano Domenicali tenta di contenere l’entusiasmo, ben consapevole che questo successo va considerato solo un punto di partenza. “I tecnici dicono che se si va forte su questa pista si è competitivi anche in tanti tracciati su cui dobbiamo ancora correre – prosegue il team principal Ferrari - speriamo che sia davvero così allora! Noi non vogliamo fare nessun calcolo per quanto riguarda la classifica. Dobbiamo affrontare gara dopo gara con questo stesso approccio, senza mollare la presa. Ora godiamoci fino a stasera questa gioia e, da domattina, pensiamo al Gran Premio di Germania.”