F1 2011, Ferrari: Alonso crede nel podio a Valencia

Formula 1 2011: la Ferrari si prepara al Gran Premio di Valencia studiando strategie alternative per consentire ad Alonso un salto di qualità in gara

da , il

    ferrari alonso europa valencia vettel

    La Ferrari crede nel podio. Fernando Alonso non pensa di poter vincere in alcun modo il Gran Premio d’Europa che si disputa sul circuito cittadino di Valencia ma proverà, anche sfruttando qualche idea creativa sul fronte strategie, a scavalcare Lewis Hamilton e impensierire le Red Bull di Webber e Vettel che, al momento, non sembra possano avere rivali. Proprio la scuderia della lattina volanti, dà alcune spiegazioni sull’intrusione del loro pilota nell’abitacolo della Ferrari al termine delle qualifiche.

    FERNANDO ALONSO. “L’obiettivo era lottare con la McLaren e lo abbiamo centrato. Non mi aspettavo che il minimo cambiamento regolamentare introdotto qui potesse mutare l’ordine delle cose e, infatti, non è accaduto: la Red Bull era e resta la favorita. Vedremo se a Silverstone, dove il cambiamento sarà più significativo, succederà qualcosa“, ha spiegato Fernando Alonso. Lo spagnolo spera di inventarsi qualcosa di buono con le strategie:“Potremo assistere a diverse scelte strategiche in termini di soste ai box. Il nostro obiettivo è un posto sul podio e abbiamo la possibilità di raggiungerlo”.

    FERRARI. Si è fatto notare il naso lungo di Sebastian Vettel che si infila dentro l’abitacolo della Ferrari di Fernando Alonso e della McLaren di Lewis Hamilton. In molti si sono chiesti il perché di quel plateale gesto. Dalla scuderia Red Bull prima ci scherzano su ricordando il posteriore mostrato in mondovisione dal loro pilota “forse Seb voleva mostrare uno spazio rimasto libero per gli sponsor sulla tuta…”. Poi chiariscono che non si è trattato di un ordine dato dal team ma di semplice curiosità:“Lui è così – ha detto Horner - cerca sempre qualcosa di nuovo. Fa parte della sua natura. Ha avuto l’occasione di sbirciare le vetture della concorrenza e non se l’è fatta sfuggire. C’è sempre qualcosa da imparare…”