F1 2011, Ferrari: Alonso non si fida dei rivali

Formula 1 2011: per la Ferrari arriva un altro buon risultato dai test

da , il

    test ferrari fernando alonso

    E’ stata un’altra giornata di test positiva per la Ferrari. Fernando Alonso ha proseguito il lavoro cominciato da Felipe Massa sulla Ferrari 150° Italia accuratamente aggiornata di particolari aerodinamici in vista dell’imminente avvio di stagione. Lo spagnolo si è concentrato sulla comparazione di alcune configurazioni dell’ala anteriore e sulla simulazione di un weekend di gara. Alla fine ha chiuso con il secondo tempo assoluto e ben 140 giri percorsi. Ciononostante teme che ci siano avversari più forti della Rossa e che si siano ben nascosti.

    TEST FERRARI F1 2011. 140 giri percorsi, suddivisi tra prove di aerodinamica e simulazione di gara. Il programma svolto da Fernando Alonso ricalca interamente quello stilato per Felipe Massa il giorno precedente. Anche stavolta la Ferrari 150° Italia ha assecondato il suo pilota senza accusare problemi tecnici. Al termine dei lavori, Alonso ha voluto esprimere un pensiero per i terremotati del Giappone:“Davanti a tragedie come quella che ha colpito oggi il Giappone, la Formula 1 e tutti i problemi che riguardano gomme, alettoni e motori passano molto più che in secondo piano: oggi il mio pensiero va innanzitutto alle vittime e alle loro famiglie.”

    FERNANDO ALONSO. Tornando a parlare di Formula 1, il pilota Ferrari ha manifestato apprezzamento per le conferme arrivate in tema di affidabilità:“Ancora una volta la macchina ha dimostrato di essere molto affidabile, il che è sempre una buona notizia”, ha detto. Pollice su anche per le novità tecniche sulla Ferrari che, lo ricordiamo, hanno interessato in particolare l’ala anteriore e gli scarichi:“Gli aggiornamenti che la squadra ha preparato per quest’ultimo test hanno migliorato il comportamento della vettura e oggi siamo riusciti a fare una buona simulazione di un fine settimana di Gran Premio, girando su tempi discreti. Dove siamo rispetto agli altri? – si è domandato l’asturiano – Oggi siamo tutti insieme qui a Barcellona…”, ha scherzato. Tornando serio, Alonso ha espresso la preoccupazione che ci sia qualche team molto forte che gioca a nascondersi. “Tipo di gomme usato, quantitativo di benzina a bordo, programma svolto: sono troppi i parametri in gioco che possono fare una grande differenza in termini di prestazione assoluta. Sin dall’inizio di questi test noi siamo sempre rimasti concentrati sul nostro lavoro, cercando di migliorare la macchina e di essere affidabili: quanto saremo stati bravi lo vedremo fra due settimane”, ha concluso.