F1 2011, Ferrari: Alonso vuole una pole position

Formula 1 2011: Fernando Alonso racconta la marcia d'avvicinamento al Gran Premio di Ungheria spiegando di vedere nella qualifica ancora il punto debole della Ferrari

da , il

    fernando alonso ferrari pole position 2011

    Fernando Alonso chiede alla Ferrari di regalargli una monoposto in grado di lottare per la pole position. Quanto visto al Nurburgring lascia ben sperare in ottica gara ma non dà ancora sufficiente ottimismo in previsione del giro secco. Solo partendo dalla casella 1, però, Alonso potrà sfruttare a pieno il potenziale della Ferrari e sperare nella rimonta impossibile su Sebastian Vettel. Il pilota spagnolo che compirà trent’anni domani non vuole mollare:“Festeggerò il mio compleanno in pista con la Scuderia. Chissà se qualcuno mi farà una sorpresa”, ha scherzato.

    FERRARI – ALONSO. Fernando Alonso è arrivato a Maranello domenica sera subito dopo il GP di Germania. Si è fermato alcuni giorni per lavorare sul simulatore e preparare il prossimo GP d’Ungheria. In queste ore è nel camion della squadra e sta raggiungendo proprio il circuito dell’Hungaroring:“Ho partecipato a diverse riunioni con i tecnici e oggi ho avuto anche la possibilità di salutare il Presidente Montezemolo e i componenti del Consiglio d’Amministrazione della Ferrari. Montezemolo è stato come sempre molto affettuoso con me e ha voluto sapere tutto su come ci stiamo preparando per la gara dell’Hungaroring”, ha raccontato l’asturiano.

    FERRARI 2011. “E’ ormai da un paio di mesi che la nostra macchina ci permette di lottare costantemente per le posizioni sul podio – ha aggiunto Alonso parlando dei progressi Ferrari- Abbiamo recuperato tanto rispetto alla primissima parte del campionato ma dobbiamo fare ancora un passo avanti, soprattutto in qualifica ci manca ancora qualcosa: è vero che in gara riusciamo a recuperare ma non sempre si possono guadagnare due posti rispetto alla posizione in griglia com’è accaduto a Monaco, Valencia, Silverstone e Nürburgring”. In Ungheria tornerà il caldo:“Meno male, non se ne poteva più dell’umido e del freddo che abbiamo avuto in Inghilterra e in Germania! E non lo dico soltanto per me ma anche per la nostra macchina: sicuramente temperature più elevate dei 13 °C che abbiamo avuto domenica scorsa sono le benvenute”, ha commentato il pilota di Oviedo.