F1 2011, Ferrari: Chrys Dyer scaricato!

Formula 1 2011: la Ferrari fa sapere che l'organizzazione interna per la prossima stagione non prevede più la presenza di Chrs Dyer al muretto box

da , il

    ferrari f1 2011 dyer

    La Ferrari ha mantenuto la promessa. A metà. Dopo la sconfitta di Abu Dhabi causata da errate interpretazioni degli uomini delle strategie, era stato detto che la stagione 2011 di F1 avrebbe visto delle novità quanto a nomi in ballo ma che non ci sarebbe stata nessuna testa saltata per aria. Vero a metà, dicevamo: nell’organico entrano due nomi forti come Neil Martin di provenienza Red Bull e Pat Fry ex McLaren ma si conta anche l’allontanamento di Chris Dyer, tecnico responsabile principe delle strategie. L’australiano segue la sorte toccata nel 2009 a Luca Baldisserri…

    FERRARI. La balla che la Ferrari è una grande famiglia dove si vince e si perde uniti… si mostra oggi in tutta la sua ipocrisia. Da Montezemolo a Domenicali ci hanno raccontato più volte che non ci sarebbe stata nessuna punizione per i colpevoli dell’errore di Abu Dhabi che è costato il mondiale a Fernando Alonso. Alla resa dei conti, il povero Chris Dyer viene sollevato dall’incarico. La nuova organizzazione prevede Neil Martin a capo di un nuovo reparto Sviluppo Strategie Operazioni creato per l’occasione. Il 38enne inglese proviene dalla Red Bull e vanta un passato anche in McLaren. Il suo referente principale sarà il Direttore Tecnico Aldo Costa. L’altro nome nuovo è quello di Pat Fry, già vice di Costa, diventa responsabile dell’ingegneria di pista. Questo era il ruolo di Dyer che attualmente resta parcheggiato in fabbrica in attesa che gli si trovi una collocazione di ripiego.

    F1 2011. La Ferrari ha una nuova organizzazione per il 2011. Con questa soluzione Domenicali spera di risolvere il complicato problema delle strategie pessime che hanno caratterizzato gli ultimi anni del Cavallino. Fa piacere sapere che oltre ad un cambio di nomi si è pensato anche ad una diversa suddivisione dei ruoli. Ricordiamo – e non siamo gli unici – che nel 2009 a pagare fu Luca Baldisserri. Dopo diverse figuracce, il successore di Ross Brawn fu messo buono buono in fabbrica per non fare altri danni. Adesso è responsabile della Ferrari Driver Academy. In molti sostenevano che Baldisserri andasse cacciato molto prima. Molti altri lo difendevano. I fatti hanno dato ragione ai secondi. Anche senza di lui si sono continuati a contare errori strategici anche grossolani. Quella di Abu Dhabi è solo la punta dell’iceberg. Senza Baldisserri tutto è rimasto identico. Possibile che senza Dyer le cose vadano meglio?