F1 2011, Ferrari in Australia: strategie vitali

Formula 1 2011: il team principal della Ferrari Stefano Domenicali si dice impaziente di iniziare la nuova stagione ed indica le strategie come vitali per ottenere dei grandi successi

da , il

    ferrari f1 2011 strategie pit stop

    La Ferrari è pronta a ripartire da dove aveva lasciato. La stagione 2011 di Formula 1 obbliga gli uomini di Maranello a vincere e, secondo Stefano Domenicali, il modo miglior se non l’unico per farlo è quello di pianificare le migliori strategie per la gara. Lo scorso anno proprio la tattica è stato il tallone d’Achille del Cavallino Rampante. Quest’anno non potrà essere così. Sia perché commettere due volte gli stessi errori sarebbe imperdonabile. Sia perché la parte strategica avrà ancora più rilevanza del 2010. Sarà vitale.

    FERRARI F1 2011. “Quando si comincia una nuova avventura ci sono sempre eccitazione ed entusiasmo a Maranello. In fondo - spiega Stefano Domenicali - le corse sono parte del nostro DNA e siamo qui per questo.” Il team principal Ferrari racconta che l’argomento più dibattuto tra i tecnici è capire dove siano gli avversari rispetto alla 150° Italia. “Finora abbiamo fatto tante prove in quattro sessioni svoltesi tutte in Spagna fra febbraio e l’inizio di marzo ma solo in Australia avremo la possibilità di valutare davvero il nostro livello di competitività”.

    GP AUSTRALIA F1 2011. Le risposte che la Rossa si aspetta dal GP di Australia di F1 2011sono almeno due. La prima, già citata, è capire la velocità della propria monoposto in rapporto alla concorrenza. La seconda è analizzare le dinamiche di gara che si verranno a creare con il passaggio dalla Bridgestone alla Pirelli come azienda fornitrice di pneumatici. “Sono pneumatici molto diversi da quelli cui eravamo abituati. Bisogna quindi adottare un approccio totalmente diverso. E’ ovvio che sembra che ci saranno molti più pit-stop in gara, il che ha un impatto significativo sul lavoro della squadra: più soste vuol dire che il ruolo di ognuno aumenta d’importanza nel determinare ili risultato finale”. Come detto, le tattiche avranno un ruolo primario nella determinazione del risultato finale della gara. Ancor di più del posto in griglia di partenza che, secondo Domenicali, non sarà più determinante come in passato:“Una vettura che magari non è stata la più veloce in qualifica avrà ancora la possibilità di vincere la corsa. Per riuscirci sarà vitale avere la strategia giusta, ha ribadito il capo della Gestione Sportiva