F1 2011, Ferrari: Massa ci riproverà

Formula 1: Felipe Massa inizia a parlare dei suoi propositi per la stagione 2011 e spiega di non essere preoccupato dalla pressione sopra di lui dopo le grandi prestazioni di Alonso

da , il

    felipe massa ferrari f1 2010

    Il confronto tra Felipe Massa e Fernando Alonso all’interno del box Ferrari ha dato un risultato schiacciante per il pilota brasiliano. Nonostante questa sentenza senza appello gli sia costata molto in termini di credibilità all’interno della Scuderia di Maranello, il vicecampione del mondo 2008 ricorda che proprio nell’annata in cui vide sfumare il titolo all’ultima curva, dell’ultimo giro, dell’ultimo GP, si era presentato ai nastri di partenza nella stessa situazione di inferiorità psicologica rispetto all’allora campione del mondo Kimi Raikkonen.

    FELIPE MASSA. “Sono stati due momenti molto difficili per la squadra - ha detto Massa confrontando la sconfitta di Interlagos 2008 che lo ha visto protagonista con quella di Abu Dhabi 2010 Certo, in Brasile due anni fa alla vigilia del Gran Premio non avevamo molte possibilità ma poi, durante la gara, si stava concretizzando una situazione per cui potevo vincere ma tutto è cambiato nelle ultime curve. Due settimane fa, invece, Fernando partiva in testa alla classifica ma sappiamo com’è andata a finire. Non credo che si possano fare dei paragoni ma posso capire come si sia sentito il mio compagno di squadra.” Proprio il compagno di squadra rappresenta al momento il problema più grande da risolvere per Massa. Il confronto 2010 tra Massa e Alonso non lascia scampo ad equivoci. Lo spagnolo è stato nettamente superiore: su tutti i fronti. Qualifica, gara, testa, piede, carisma. In barba a tante chiacchiere, però, il driver di San Paolo dichiara:“Non credo che il 2011 debba essere per me un anno cruciale. In fondo, mi sono sempre trovato in una situazione simile. Mi ricordo che all’inizio del 2006 tanti dicevano che sarei rimasto un solo anno alla Ferrari e, invece, ho vinto delle gare in quella stagione e sono rimasto ancora a lungo. Nel 2008 c’era tanta pressione, soprattutto all’inizio, ma sono arrivato a tagliare il traguardo dell’ultima gara da campione del mondo. Il mio approccio rimane sempre uguale – conclude Massa – iniziare il campionato pensando di vincere quante più gare possibili.”