F1 2011: Glock e Trulli non si muovono

da , il

    lotus virgin

    Timo Glock e Jarno Trulli rimarranno piloti ufficiali rispettivamente di Virgin e Lotus anche nel 2011. A due settimane dalla conclusione del mondiale 2010 di Formula1, la corsa per un posto libero è ripresa a pieno ritmo, con i piloti impegnati a non rimanere a piedi nel prossimo mondiale, che prenderà ufficialmente il via il 13 marzo in Bahrain. Sistemati e confermati i campioni ai piani alti, la situazione come sempre è un po’ più complicata per i team della fascia più bassa della classifica, alle ricerca prima di tutto dei fondi necessari per sopravvivere nel Circus, spesso portati in dote dagli stessi piloti, che possono così aggiudicarsi un sedile in Formula1.

    VIRGIN RACING. Il team di Richard Brandson ha chiuso la stagione 2010 all’ultimo posto in classifica ma i soldi certo non gli mancano e spera nel prossimo anno per compiere un salto di qualità. Evidentemente la pensa così anche Timo Glock, il pilota tedesco approdato alla squadra britannica dopo il ritiro di Toyota dalla Formula1. Glock ha confermato che sono davvero pochissime le possibilità di un suo passaggio ad un altro team, nonostante il ventottenne di Lindenfels, al suo debutto nel 2008 con la casa giapponese, aveva dichiarato di voler combattere per il titolo iridato entro tre anni dal suo esordio. Ma nonostante i rumors di un possibile approdo alla Renault al posto del russo Vitaly Petrov, Glock sembra destinato a rimanere un altro anno alla Virgin, anche se il pilota tedesco non ha alcuna intenzione di abbandonare i suoi sogni di gloria.

    TIMO GLOCK. “Se hai l’opportunità di andare in Red Bull o McLaren, allora devi provarci. Dal punto di vista sportivo bisogna essere aperti a nuove possibilità. Correre per il titolo di campione del mondo è decisamente ancora il mio obiettivo primario”, ha dichiarato il pilota della Virgin. Glock, a differenza del suo giovane connazionale Sebastian Vettel, che si è laureato campione del mondo a soli ventitré anni, ha chiuso questa stagione a zero punti, collezionando inoltre nove DNF (do not finish) e un quattordicesimo posto come miglior piazzamento. “In inverno abbiamo perso troppo tempo perché alcune cose basiche non funzionavano. Ma non ci si può aspettare che tutto sia al posto giusto da subito per un team esordiente”, ha concluso Glock.

    LOTUS F1 RACING. Un anno da dimenticare anche per la Lotus, altro team debuttante in questa stagione appena conclusa. La scuderia di Norfolk vedrà di nuovo in pista il prossimo anno l’italiano Jarno Trulli, che spera in una stagione decisamente più competitiva. Il contratto tra Trulli e la squadra di Tony Fernandes prevede che il pilota abruzzese possa decidere di svincolarsi in caso di prestazioni deludenti ma, vista la scarsità di sedili nel Circus per il prossimo anno, Trulli ha deciso di rimanere fedele al team anglo-malese che ha comunque dimostrato di avere un buon potenziale di crescita. Ufficialmente non è ancora stata comunicata la formazione del prossimo anno, ma Jarno ha negato la possibilità di passare alla serie Nascar, dichiarandosi pronto a combattere nella speranza di una stagione migliore.