F1 2011, Hamilton: non andare in Bahrain ci aiuta

Formula 1 2011: Lewis Hamilton commenta in modo preoccupato le prestazioni della McLaren durante i test invernali e si dice contento di non andare in Bahrain per avere più tempo per recuperare sui rivali

da , il

    lewis hamilton formula 1 2011

    Lewis Hamilton è contento che la stagione 2011 di Formula 1 cominci in ritardo. Per la McLaren non andare in Bahrain ed avere due settimane in più per lavorare sulla vettura è una gran fortuna. Queste affermazioni confermano le problematiche legate al progetto MP4-26. La vettura è innovativa ma non ancora performante come i rivali più accreditati. Non solo: a livello di affidabilità ci sono dei punti interrogativi. Così come per quanto riguarda la comprensione del comportamento della monoposto a fronte di cambi di assetto ed usura degli pneumatici.

    LEWIS HAMILTON. Una sessione di test in meno si fa sentire sul conto della McLaren MP4-26. La monoposto è stata presentata in ritardo e tuttora accusa problemi di gioventù. A Woking sono dei maghi nei recuperi lampo, a tappe forzate, a stagione in corso. Per cui non sono spaventati dell’attuale situazione. Avere la possibilità di lavorare due settimane in più prima di arrivare al Gran Premio inaugurale della stagione 2011, perciò, è un aiuto non indifferente. “Stiamo cercando di capire come la vettura, le gomme e tutti gli altri sistemi lavorano insieme – ha detto un preoccupato Lewis HamiltonAncora non siamo in condizione di fare 140 giri in un giorno, come ha fatto Webber.” L’affermazione è preoccupante. La sorte, però, è corsa in aiuto del team inglese annullando il Gran Premio del Bahrain previsto il 13 marzo. “Non sono poi così triste che il campionato inizi in Australia, perchè questo ci da più tempo. Abbiamo alcuni aggiornamenti da apportare, e non molto tempo per farlo”, ha ammesso il campione del mondo 2008. Ricordiamo che la McLaren ha forti interessi economici in Bahrain visto che una fetta dei suoi azionisti sono di quella nazione.

    MCLAREN F1 2011. Le affermazioni di Hamilton spaventano i tifosi McLaren. La squadra no. L’ultima giornata di test si è conclusa con uno spiraglio di ottimismo come conferma il Test Team manager Indy Lall:“E ‘stato molto incoraggiante registrare oltre 100 giri con la MP4-26. Una conclusione impressionante dei nostri quattro giorni a Barcellona. Stiamo ancora lavorando, su un programma di sviluppo molto lungo, ma è stato un finale positivo per il nostro test qui”.