F1 2011, Hamilton non vuole più distrazioni dalla fidanzata

Formula 1: Lewis Hamilton ammette che gli errori commessi nel 2010 gli sono costati il titolo e indica la causa nelle troppe distrazioni fuori dalla pista

da , il

    hamilton mclaren scherzinger

    In una recente intervista Lewis Hamilton ha fatto una dichiarazione piuttosto pesante. Secondo il pilota McLaren, la mancata vittoria del titolo mondiale non sarebbe da attribuire alla scarsa competitività della macchina ma soltanto alla sua testa. Troppe distrazioni. Troppe “intrusioni interne”, per dirla con le sue parole, lo avrebbero distratto al punto tale da non fargli rendere al 100%. A chi si stava riferendo: al padre Anthony che da un annetto ha smesso di fargli da manager? O alla sempre più fotografata fidanzata Nicole Scherzinger delle Pussycat?

    LEWIS HAMILTON. “È andata male per motivi personali, tutto quello che avevo intorno non andava bene. Nel 2011 eviterò intrusioni esterne e mi presenterò mentalmente al 100%”, ha dichiarato Hamilton in una recente e lunga intervista alla BBC. “Non mi capitava da tanto tempo in carriera di chiudere fuori dai primi tre - ha aggiunto - ho avuto quelle due pessime gare che mi avrebbero potuto mettere nelle condizioni di giocarmi il titolo. ma in definitiva è stata una costante di tutta la stagione”. Ricordiamo che Hamilton ha chiuso la stagione al quarto posto dietro a Vettel, Alonso e Webber. Per lui l’unica soddisfazione è stata quella di fare meglio del campione del mondo in carica Jenson Button. Ad onor del vero, però, va detto che praticamente nessuno ne dubitava. Al pilota McLaren va rimproverata la solita mancanza di lucidità che lo porta in certi casi a dannosi black-out.

    NICOLE SCHERZINGER. Vogliamo dare la colpa alla fidanzata di Hamilton? Stavolta è lui a dare lo spunto:“Non è come pensa la gente che tu arrivi al GP, sali in macchina e guidi. La questione è la gente che hai intorno, i parenti, gli amici, il tempo che tu puoi dedicare loro. È tutto un grande puzzle e la chiave per essere tranquilli è che i pezzi devono essere tutti al posto giusto. Per il 2011 l’obiettivo è rimettere tutti i pezzi al loro posto, essere mentalmente al 100 per cento ed evitare intrusioni esterne”. Qualcuno sostiene che il riferimento sia al padre. In realtà le migliori stagioni di Hamlton sono state quelle con il vecchio dentro al box. Quest’anno che non s’è fatto vedere, invece, come avrebbe potuto distrarlo? Anthony non sarà un gran simpaticone ma certamente sa dare tranquillità al ragazzo. Scavando un attimo all’interno del box McLaren salta fuori che la ragazza è molto più presente di quanto non sembri da qualche inquadratura tv. La sua figura è molto più invadente di quanto non si possa supporre. Aggiungo: ma secondo voi alla vigilia di un GP decisivo per la tua stagione, quanto è necessario farsi una foto assieme prima della partenza (vedi in alto)… il sorriso di cartone che Hamilton sfoggia per l’occasione parla molto più di mille parole…