F1 2011, Heidfeld scelta giusta per una Lotus Renault pronta a stupire

Formula 1 2011: anche il nostro sondaggio ha indicato Nick Heidfeld come sostituto ideale di Robert Kubica in Lotus Renault dopo l'incidente

da , il

    nick heidfeld 2011

    Nick Heidfeld è stata la scelta giusta per il 2011 della Lotus Renault anche secondo i nostri lettori. Nel sondaggio il pilota tedesco vince la concorrenza di Tonio Liuzzi, Nico Hulkenberg ed i vari collaudatori del team di Robert Kubica tra i quali spiccano Bruno Senna e Romain Grosjean. A conti fatti, la scelta del nome del sostituto del pilota polacco rimasto vittima di un grave incidente durante una gara di rally appare scontato e banale. Heidfeld è l’uomo giusto per una Lotus Renault nata bene e desiderosa di stupire i top team.

    INCIDENTE KUBICA. Gira voce che Robert Kubica abbia spinto, dal letto d’ospedale, affinché la Lotus Renault ingaggiasse come suo sostituto Tonio Liuzzi. Non a caso l’italiano è arrivato secondo anche nel nostro sondaggio. Un po’ per patriottismo, un po’ per dargli un’altra chance, avremmo visto di buon occhio il driver di Locorotondo sull’elegantissima Lotus Renault. Bandando molto all’esperienza ed alla sostanza, però, Eric Bouiller ha scelto Heidfeld. Lo stesso Heidfeld che ha condiviso alcuni anni a fianco di Kubica in BMW Sauber non sfigurando più di tanto nel confronto.

    LOTUS RENAULT. A parlare è Eric Boullier, team princpal Lotus Renault. Secondo il francese la monoposto dal nome in codice R31 non è un bluff. La macchina presenta soluzioni innovative, vedi gli scarichi che vanno verso l’anteriore, e i buoni tempi sul giro raccolti nei test ne sono la dimostrazione. Ricordiamo che nell’ultimo test disputato da Kubica prima dell’incidente, il polacco aveva chiuso al comando. In generale, l’impressione è che questa nuova era che contraddistingue la fabbrica di Enstone, nonostante non abbia più il supporto pieno della Renault, poggi su solide basi. A questo punto tocca ad Heidfeld, capitalizzare il potenziale e dimostrare di essere l’uomo giusto… nel momento sbagliato, quello più triste in cui onorare senza far rimpiangere lo sfortunato Kubica.