F1 2011: il GP d’India pensa in grande

Formula 1: il Gran Premio di India è la nuova realtà del calendario 2011 della F1

da , il

    gp india f1 2011 circuito

    Il circuito di Nuova Delhi che nel 2011 ospiterà il primo Gran Premio d’India della storia della Formula 1 è pronto. E gli organizzatori pensano in grande. Non basta l’accordo pluriennale con la massima categoria motoristica. L’idea è quella di contattare anche la Dorna e portare i bolidi della MotoGP a partire dal 2012. La tendenza è quella di delocalizzare, si sa. Fa un po’ impressione, però, sapere che, contemporaneamente, gli organizzatori del GP d’Europa di F1 a Valencia vogliono sbarazzarsi di Ecclestone e del Circus per i soliti problemi economici…

    GP INDIA F1. Inserito ufficialmente nel calendario 2011, il Gran Premio d’India sarà la grande novità della prossima stagione di F1. Il layout ricorda molto da vicino il circuito di Yeongam in Corea. Per giudicarlo è presto. Che gli indiani facciano sul serio, però, è indubbio. Tant’è che adesso lanciano l’assalto alla MotoGP. Il Gruppo Jaypee che sta costruendo vicino alla capitale Nuova Delhi l’impianto è in trattativa con la Dorna:“Sì, siamo in contatto”, ha confermato Manu Bhaskar Gaur, direttore generale del Gruppo indiano. L’obiettivo è avere Valentino Rossi nel 2012.

    VALENCIA IN CRISI. L’India brilla. Non si può dire altrettanto per la vecchia Europa. Il Gran Premio d’Europa, per la precisione. Gli organizzatori della corsa sulle strade di Valencia stanno cercando un modo per sciogliere il contratto stipulato con Bernie Ecclestone per “passare” l’organizzazione dell’evento su un altro circuito. Secondo alcuni giornali spagnoli, il GP costa troppo: 30 milioni in totale contro i 10 che ne tornano indietro dalla vendita dei biglietti (in clamoroso calo nonostante l’effetto Alonso-Ferrari). Al momento le strade percorribili sono due: o trovare un altro circuito (si parla di Alcaniz o Portimao in Portogallo) o giocare al rialzo provando a costruire un parco giochi in stile Ferrari World per incrementare l’afflusso di turisti interessati alla F1.