F1 2011: Kobayashi resta, De La Rosa rischia

Formula 1: la Sauber ha reso noto che Kamui Kobayashi sarà il suo pilota anche per la stagione 2011

da , il

    F1 2011:kobayashi sauber

    Il mercato piloti per la stagione 2011 di F1 va più per rinnovi che per cambi di casacca. Anche la Sauber conferma la regola rinnovando l’accordo con il ventiquattrenne giapponese Kamui Kobayashi. La situazione, semmai, è più complicata per il compagno di squadra Pedro De La Rosa che viene dato per partente. Al suo posto si fanno i nomi dei protagonisti della stagione 2010 della GP2 Pastor Maldonado e Sergio Perez. Tra i due, il favorito sembra il messicano che beneficerebbe dell’arrivo della Telmex tra gli sponsor degli elvetici.

    SAUBER-KOBAYASHI. 21 i punti conquistati fino ad oggi. Sesto posto come miglior risultato e tre ingresi in Q3. Sono questi i risultati che hanno garantito a Kamui Kobayashi il rinnovo del contratto con la Sauber. “Kamui ci piace come pilota e come personaha dichiarato Peter SauberNon abbiamo mai avuto alcun dubbio sulla sua conferma. Decisamente è stato all’altezza delle aspettative in termini di velocità e spirito combattivo e anche il suo lavoro con gli ingegneri e la sua comprensione tecnica sono cresciuti molto. L’esperienza raccolta quest’anno lo metterà in buona forma per il 2011.” Da molti addetti ai lavoro Kobayashi è ritenuto il nippo più forte della storia della F1. “L’inizio di stagione è stato difficile – ha ammesso il pilota ricordando i tanti ritiri – ma abbiamo lavorato insieme per metterci fuori da quella situazione. Nel team di Peter Sauber mi sento a casa e sono molto felice della riconferma. Comunque, per ora mi concentro al 100% su quest’anno. Mancano sei Gran Premi e spero di recuperare terreno.”

    KUBICA. Qualcuno ha provato a smuoverlo dalla Renault ma Robert Kubica è più saldo che mai al timone del team francese. Intanto, per non farsi mancare nulla, si è divertito anche lui a correre in un Rally. Quello del Friuli, per la precisione, dove ha guidato nella classe A6 una Clio S1600 concludendo al 13° posto in classifica generale e dietro a vetture più potenti della sua. “Sono venuto qui per divertirmi ma devo essere cauto nel non rischiare troppo, perchè la F1 è il mio vero lavoro. Ma amo la sfida di adattamento ai rally”, ha dichiarato il 25enne di Cracovia ricordando che il precedente contratto con la BMW non gli permetteva di partecipare ad eventi di questo genere.

    GEOX F1. Oltre al mercato piloti ce n’è un altro altrettanto interessante. Quello degli sponsor. E’ possibile che dal prossimo anno un’importanza azienda italiana faccia la sua comparsa nel Circus. Trattasi della Geox che potrebbe appiccicare i propri adesivi nientemeno che sulle vetture più veloci del momento; le Red Bull. “Gli sport estremi con alto contenuto tecnologico come il ciclismo e la F1 possono essere di nostro interesse” ha confermato il proprietario del marchio Mario Moretti Polegato.