F1 2011: la verità sullo scambio Massa-Kubica

Formula 1: si sente parlare in questi giorni di un possibile scambio tra Massa e Kubica con il brasiliano che va alla Renault e il polacco alla Ferrari

da , il

    F1 2011:  scambio Massa-Kubica

    Gira voce che stia per avvenire un clamoroso scambio tra Ferrari e Renault. Felipe Massa va ai francesi mentre Robert Kubica arriva in Italia. Naturalmente la storia è interamente fasulla per almeno due buonissimi motivi. Uno più scontato. L’altro meno. Cerchiamo di chiarire i termini della colossale balla prima che anche nel nostro Paese parta un nuovo tormentone. Tormentone lanciato dalla televisione catalana, evidentemente in cerca di un pizzico di pubblicità. In tal senso, il successo è stato ottimo!

    KUBICA-MASSA. Robert Kubica e Felipe Massa staranno ai loro posti. Innanzitutto perché i contratti sono firmati. Vi pare poco? Certo, Kimi Raikkonen è stato appiedato indipendentemente dall’accordo in essere anche per il 2010. Ma lì la situazione era diversa. Il finlandese aveva mostrato una certa insofferenza e, soprattutto, non aveva gli appoggi nelle alte sfere che vanta il brasiliano (leggi Nicolas Todt come manager). Parallelamente Alonso aveva un Santander in paradiso pronto a sobbarcarsi penali di ogni tipo pur di piazzarlo da subito sulla seconda Ferrari. Lo stesso non si può dire per Kubica. Questo piccolo riassunto delle puntate precedenti spero spieghi bene come mai Alonso è arrivato in Ferrari nonostante Kimi Raikkonen e perché ciò non può risuccedere con Kubica.

    RENAULT-FERRARI. Qualcuno potrà dire:”Sì, ma se è Massa che se ne vuole andare perché non gli piace più l’ambiente Ferrari?”. Barrichello ha fatto così quando ha deciso di passare alla Honda. Massa, però, la vede diversamente. Lui vuole restare in Rosso per trasformare il 2011 nel suo 2008. Sa che con un pizzico di fortuna in più può restare attaccato al treno del mondiale per oltre metà stagione. Poi si vedrà. Insomma: il brasiliano non ha nessun interesse a lasciare la Ferrari prima del tempo. A tutto ciò aggiungiamo un particolare non irrilevante: l’asso di Oviedo e il funambolo di Cracovia sono amici. Se è vero che Alonso è il nuovo padrone del box Ferrari, crediamo che difficilmente, al di là delle dichiarazioni di facciata, accetti di avere un personaggio scomodo come il polacco sotto lo stesso tendone. A buon intenditor…

    Foto: AP/LaPresse