F1 2011, Lotus Renault conferma Petrov

Formula 1: Vitaly Petrov non lascia la Lotus Renault, anzi raddoppia

da , il

    vitaly petrov renault f1 2011

    Vitaly Petrov ha ottenuto la riconferma per la stagione F1 2011 da parte del team Lotus Renault. Il pilota russo ha firmato un contratto per altri due anni. Inizialmente famoso più per gli investitori ex-sovietici portati nel Circus che per prestazioni esaltanti, costantemente offuscato dal compagno di squadra Robert Kubica, Petrov è salito all’attenzione dell’opinione pubblica per aver bloccato Fernando Alonso nell’ultimo Gran Premio di Abu Dhabi impedendogli di recuperare posizioni e vincere il titolo mondiale. Con questo contratto biennale, il russo potrà finalmente dimostrare al 100% il proprio potenziale.

    VITALY PETROV. Ha vinto la concorrenza spietata di giovani piloti con altrettanti quattrini in tasca e vecchie volpi del Circus che avrebbero sicuramente dato un contributo più significativo in termini di sviluppo ad un team, quello Lotus Renault, che si appresta a ripartire con premesse ben diverse da quando la casa francese ha deciso di limitare il proprio impegno alla sola fornitura di motori. Buon per lui che, avendo esteso la collaborazione ad altri due anni, potrà approcciarsi alle gare e pianificare la propria carriera con molte meno pressioni. “Sono molto contento di rappresentare la Lotus Renault nel 2011 e 2012 - ha detto Petrov - Ho imparato molto quest’anno e questo mi aiuterà a migliorare ancora nel futuro. Il 2010 è stato sotto tanti punti di vista l’anno dell’apprendimento, il 2011 sarà quello delle prestazioni. Mi sento pronto per questa sfida”.

    LOTUS RENAULT. “Siamo molto contenti di confermare che Vitaly resterà con noi per il 2011 e per il 2012, e insieme al team speriamo di migliorare ulteriormente partendo dai risultati promettenti del 2010″, sono state le parole del confermatissmo team principal Eric Boullier. “L’intero team ha lavorato al massimo nei mesi scorsi per migliorare la competitività – ha aggiunto – avere una formazione piloti stabile è essenziale per i nostri obiettivi. Robert Kubica ci fornisce un ottimo punto di riferimento in termini di velocità e consistenza, e siamo certi che Vitaly (Petrov, ndr) sarà piu’ vicino al suo livello di performance l’anno prossimo”. Va bene avere ottimi propositi ma è inutile nascondere che i soldi del mercato russo fanno gola. Soprattutto ad un team che, come detto, deve assolutamente trovare nuove risorse dopo aver perso definitivamente l’appoggio di un grande costruttore come Renault.