F1 2011, Lotus Renault: i nostri avversari sono Ferrari e Red Bull

formula 1 2011: la Lotus Renaut punta in alto e sostiene di poter lottare con Ferrari e Red Bull

da , il

    lotus renault stagione f1 2011

    La Lotus Renault si toglie la maschera ed a meno di due settimane dall’inizio della stagione 2011 di Formula 1 dà concretezza alle proprie ambizioni. Il team di Enstone sostiene di poter lottare addirittura con Ferrari e Red Bull che vengono indicati dal team principal Eric Boullier come principali avversari. Secondo i francesi, Mercedes e McLaren potrebbero essere dietro a Petrov e Heidfeld. Il tutto grazie soprattutto alla fortunata intuizione degli scarichi rovesciati.

    LOTUS RENAULT. “Abbiamo passato parecchio tempo a pensare a questa soluzione e ne abbiamo discusso. Sapevamo che fosse un rischio, ma alla fine ci siamo detti: ‘perché no?”, così Eric Boullier, team principal Lotus Renault, sintetizza come siano arrivati a montare sulle loro monoposto gli scarichi rovesciati, una soluzione inedita e dalla grande efficacia. “È troppo presto per dire se saremo in grado di vincere delle gare – prosegue Boullier – Sarà dura essere alla pari di Red Bull e Ferrari ma saranno loro i nostri principali avversari”. Secondo il francese, Mercedes e McLaren potrebbero andare più lente delle monoposto nero-oro:“Ho grande rispetto di Mercedes e McLaren ma se potessimo stargli davanti, per noi sarebbe un notevole risultato”.

    NICOLAS PROST. Come se l’elenco piloti della Lotus Renault non fosse già lungo abbastanza, è stato fissato un test per provare Nicolas Prost. Il cognome non è casuale. Si tratta del figlio ventinovenne del quattro volte iridato Alain Prost. “Spero di arrivare in F1 entro due o tre anni”, ha dichiarato. Personaggio già noto a chi segue le categorie minori, Nicolas è parso valere la metà del padre.

    ROBERT KUBICA. E’ parere comune che Robert Kubica si sarebbe divertito e ci avrebbe fatto divertire molto con questa Renault. La gara che sta disputando, invece, è di tutt’altro tipo. La quarta operazione al gomito, definita dai medici “di rifinitura”, è andata bene. Il pilota può muovere le dita della mano ed il polso. A breve comincerà la riabilitazione dell’intero arto.