F1 2011, McLaren: ora vogliamo la pole position

Formula 1 2011: la McLaren dichiara di puntare a battere la Red Bull anche in qualifica grazie ad alcuni interventi mirati sulla scocca della monoposto

da , il

    mclaren gran premio turchia f1 2011 whitmarsh

    La McLaren è ancora galvanizzata dalla vittoria nel Gran Premio della Cina. Per il Gran Premio di Turchia non si pone limiti. Il team principal Martin Whitmarsh sogna in grande e anticipa l’arrivo nelle prove libere del venerdì di modifiche mirate alla conformazione della scocca. Secondo i calcoli fatti nella fabbrica di Woking, questi interventi miglioreranno la performance rendendo possibile la fine del dominio Red Bull anche sul giro secco. La lotta per la pole position, quindi, d’ora in poi potrebbe essere un po’ meno scontata…

    MCLAREN F1. La Red Bull si è mostrata battibile in gara. Persino la Ferrari è riuscita in qualche frangente a lottarsela alla pari con le lattine volanti. Il vero punto di forza di Sebastian Vettel è la supremazia sul giro secco. Per questo motivo la McLaren, fresca vincitrice del Gran Premio della Cina con Lewis Hamilton, punta a migliorare in qualifica per non avere più nessun timore reverenziale nei confronti della corazzata austriaca di Adrian Newey. Per il Gran Premio di Turchia saranno apportate modifiche sulla scocca della MP4-26 con l’intento di compiere un bel salto in avanti nella prestazione pura.

    MARTIN WHITMARSH. “Siamo entusiasti e incoraggiati dal ritmo e dalla solidità che entrambi i nostri piloti hanno dimostrato nelle tre gare di apertura oltreoceano, ma il ritorno in Europa porta nuove sfide”, ha dichiarato Martin Whitmarsh. “E’ chiaro che abbiamo bisogno di migliorare le nostre qualifiche e ritmo di gara, se vogliamo rimanere una minaccia per il titolo - ha aggiunto il team principal McLarenPer questa gara, ci sarà la valutazione di una serie di piccole modifiche che comprendono alcuni affinamenti aerodinamici sulla scocca, che proveremo durante le prove del venerdì”. La scuderia di Woking è storicamente capace di grandi rimonte. Al pari della Ferrari, è una delle poche in grado di ribaltare un progetto in pochissimo tempo. Fossimo in quelli della Red Bull, non staremo tranquilli.