F1 2011, McLaren troppo estrema per vincere?

Formula 1 2011: la McLaren MP4-26 è ancora indietro nello sviluppo rispetto ai rivali di Ferrari e Red Bull

da , il

    mclaren f1 2011

    La nuova McLaren progettata per la stagione 2011 di Formula 1 fa discutere. La MP4-26 è estrema in molte aree. Forse troppo. Lo è sicuramente per molti osservatori che adesso imputano al team di aver osato andando oltre le sue possibilità. Ferrari e Red Bull, due monoposto visivamente più tradizionali, sono quelle che si avvicinano al primo Gran Premio dell’anno con i favori del pronostico. Lewis Hamilton e Jenson Button, invece, hanno ancora molto da lavorare su tutti i fronti: velocità e affidabilità.

    MCLAREN F1 2011. Non sempre innovare significa vincere. Soprattutto se i risultati si vuole che arrivino subito. La stampa internazionale ha sottolineato l’originalità del progetto. Quasi nulla su questa McLaren è convenzionale, scrivono i tedeschi di Auto Motor und Sport aggiungendo che ad oggi sono più le domande che le risposte quelle arrivate dai primi test. Il tecnico responsabile dei test, Indy Lall, ha spiegato che la situazione non è così pessima come sembra:“Abbiamo imparato molto sulla MP4-26. Abbiamo pianificato di iniziare il test con un numero di run per valutare l’aerodinamica. Una serie di cicli più brevi sono stati utilizzati per valutare set-up e stabilire una direzione generale per una comprensione molto solida del comportamento dei pneumatici Pirelli”.

    JENSON BUTTON. Mentre Lewis Hamilton sta provando a tirare fuori il massimo dalla macchina nell’ultimo giorno di test rimasto a Barcellona, Jenson Button è apparso piuttosto deluso dall’impossibilità avuta di girare con continuità causa vari guasti subiti. “Non stiamo facendo il numero di giri che ci piacerebbe, quindi siamo un po’ indietro ad alcune squadre, e questo è uno svantaggio, ma è un qualcosa che stiamo affrontando”, ha detto il campione del mondo 2009. Secondo Button c’è ancora un gran potenziale per la McLaren da esprimere:“C’è molta performance da far uscire da questa macchina, ora abbiamo solo bisogno di fare chilometri”.