F1 2011, Pirelli Pzero: no critiche, solo applausi

Formula 1 2011: grande soddisfazione per le Pirelli Pzero dopo il debutto stagionale nel GP d'Auststralia

da , il

    pirelli f1 pzero australia 2011

    La Pirelli con i suoi Pzero ha riscosso un coro unanime di consensi per il suo ritorno in Formula 1 come fornitore unico di pneumatici. Il Gran Premio d’Australia 2011 ha visto pneumatici tenere fino a consentire ad un pilota di completare la gara con un solo pit stop. Ha visto sorpassi, ha visto strategie diversificate. Unico neo, probabilmente, la difficoltà nel distinguere con immediatezza il tipo di mescola. Colorare in modo differente la scritta Pirelli Pzero non sembra sufficiente. Soprattutto nel caso di visuale on board.

    F1 2011. Una gara che si conclude con due o tre pit stop è del tutto normale. Gli spauracchi di un evento mangiagomme che avrebbe messo in imbarazzo il Circus è definitivamente scomparso. Tutti i piloti, fino a quel momento critici nei confronti dell’operato del gommista italiano, si sono ricreduti. Primo della lista è stato proprio il dominatore dell’evento Sebastian Vettel che nella conferenza stampa dopo il GP ha dichiarato:“Dobbiamo fare i nostri complimenti alla Pirelli.”

    PIRELLI F1. “Che gara fantastica! In Australia c’è stato di tutto: il giro più veloce mai visto in qualifica a Melbourne, molti duelli in pista, competizione serrata e alcuni sorpassi da brivido”, è il commento di Paul Hembery. Il responsabile Pirelli promuove il lavoro svolto:“Non abbiamo avuto alcun problema e il degrado è stato inferiore alle aspettative, per cui la maggior parte dei piloti inclusi i primi tre ha optato per una strategia su due soste, come avevamo previsto. Abbiamo anche visto un’ampia gamma di strategie, da uno a tre pitstop, cosa che ha offerto ai team l’opportunità di pensare in modo creativo alla gestione della gara”. Il prossimo Gran Premio della Malesia, su un circuito vero, con temperature estreme e possibili rovesci sarà il banco di prova ideale per fugare ogni dubbio residuo.