F1 2011, Red Bull: titolo costruttori vale 60 milioni

Formula 1: la vittoria del titolo mondiale costruttori vale per la Red Bull 60 milioni di Euro

da , il

    red bull titolo mondiale f1 2011

    La vittoria del titolo mondiale Costruttori di Formula 1 2011 è valso alla Red Bull almeno 60 milioni di Euro. Pur non essendo ufficiali certi importi, secondo i tedeschi di Sport1 è questa la cifra che entrerà nelle casse della scuderia austriaca di Dietrich Mateschitz. Alla McLaren che, verosimilmente, concluderà al secondo posto finale, ne spetteranno tra i 40 ed i 50. Tra 30 e 40, invece, sono i milioni che finiranno alla Ferrari. Altre quote via via decrescenti saranno spartite tra i team restanti. Ultimi a prendersi un pezzo della ricca torta cucinata da Bernie Ecclestone saranno i decimi classificati.

    RED BULL. Agli uomini Red Bull non basta aver già vinto con largo anticipo il titolo piloti e quello costruttori. In una stagione trionfale, difficilmente ripetibile quanto a dominio assoluto, è giusto strafare. Diventa obbligatorio, allora, provare a battere qualche record ancora esistente con Sebastian Vettel (maggior numero di vittorie in una stagione e maggior numero di pole position) e dare a Mark Webber il massimo supporto per la conquista del secondo posto in campionato. “Nostro obiettivo è chiudere la stagione in attacco per consentire a Mark di ottenere il secondo posto nel mondiale. Vogliamo anche fargli vincere una gara. Abbiamo la possibilità di sfruttare gli ultimi GP come delle finali”, ha dichiarato il team principal Christian Horner.

    F1 2012. Mentre la squadra è impegnata nello sparare gli ultimi fuochi d’artificio all’interno di una annata storica, Adrian Newey è in fabbrica, a Milton Keynes, per lavorare sodo sul progetto 2012. “Tutte le nostre risorse sono focalizzate sulla macchina del prossimo anno ma se dovessimo trovare qualcosa che può andar bene anche su quella attuale, potremmo già cominciare a provarla in pista”. ha spiegato il tecnico più stimato della Formula 1 che, secondo molti addetti ai lavori, sorride sornione mentre ha ben chiara sul suo celebre tavolo da disegno la prossima diavoleria.