F1 2011, Red Bull: uno dei segreti è il parco motore Renault

Formula 1 2011: svelato uno dei segreti Red Bull

da , il

    motore red bull renault formula 1 2011

    Il segreto è nel motore. Come mai la Red Bull va come un missile? Come mai anche il team Lotus Renault ha iniziato la stagione 2011 di Formula 1 alla grande? La spiegazione arriva da un particolare tecnico molto rilevante. Il propulsore francese è quello che consuma meno. Consuma talmente poco da consentire ai team che lo utilizzano di risparmiare fino ad un 10% di carburante. Ovviamente quel quantitativo di benzina non viene conservato fino a fine gara. Semplicemente viene “bruciato” per produrre maggiori gas di scarico, fondamentali a regalare maggior carico aerodinamico.

    MOTORE RENAULT F1. Spieghiamoci meglio: poter bruciare fino ad un 10% in più di benzina extra al solo fine di produrre maggiori gas di scarico va nettamente contro lo spirito ecologico della Formula 1. Ma si abbina alla perfezione con i complessi “tubi di scappamento” delle monoposto moderne. Per dirla brutalmente, i sistemi di scarichi hanno delle configurazioni tali che, grazie all’opportuno indirizzamento dei gas, generano carico aerodinamico. Chi può produrre più emissioni, quindi, ha più vantaggi. In questa speciale classifica, il motore meno efficiente sarebbe quello Ferrari. Non a caso in Australia la Rossa ha faticato. Sempre non a caso, la Red Bull e la Lotus Renault hanno furoreggiato ben oltre le rispettive aspettative. Grazie a configurazioni di scarichi che tutti gli altri hanno copiato…

    RED BULL F1. Trovato il problema alla macchina di Mark Webber che in Australia non è andata forte come quella di Sebastian Vettel. “Abbiamo trovato alcune cose dopo la gara, riguardanti il set-up, che sicuramente non lo hanno aiutato. Tutti questi elementi sono stati modificati - ha dichiarto Chris Horner team principal Red Bull - Non è dipeso da un solo particolare, ma da una serie di elementi, che hanno contribuito ad ampliare di molto la differenza prestazionale tra i due piloti”. Per la Malesia ci aspettiamo almeno un rompiscatole per evitare a Vettel una cavalcata vincente senza sussulti.