F1 2011: Sauber C30, svizzera col cuore Ferrari

Formula 1 2011: presentata la Sauber C30

da , il

    sauber c30 ferrari f1 2011

    Motore e KERS realizzati dalla Ferrari per la Sauber C30. La monoposto svizzera che parteciperà al mondiale 2011 di Formula 1 prosegue la collaborazione con la Scuderia italiana con la quale condivide anche Sergio Perez, giovane pilota di belle speranze acquisito da Peter Sauber grazie alle pressioni del partner Telmex e contemporaneamente inserito dalla Rossa nel programma di crescita per aspiranti campioni Ferrari Driver Academy.

    SAUBER C30. Presentata con un giorno d’anticipo sulla data d’inizio dei test invernali, la Sauber C30 appare da subito decisamente più performante del modello 2010. Basti dire che quest’anno la livrea bianca con inserti neri è già interrotta da alcuni loghi degli sponsor. Della nuova monoposto colpisce immediatamente il muso molto alto. Lo stesso già visto sulle rivali. “Il nostro obiettivo nello sviluppo della Sauber C30-Ferrari è stato costruire su quanto di vuono aveva la C29 ed eliminare i punti deboli”, ha detto James Key, direttore tecnico di Hinwil. “E’ anche importante per noi affrontare i test invernali con una vettura che comprendiamo. Ci sarà molto da scoprire sulle nuove gomme Pirelli e riguardo a questo aspetto vogliamo assicurarci che non ci siano sorprese nell’handling della vettura”, ha aggiunto.

    F1 2011. Key spiega che già durante la stagione 2010 erano stati affrontati e risolti molti problemi emersi con il progetto C29. La C30 è una sintesi di questi miglioramenti, affinati con nuove opportunità e integrati coi nuovi regolamenti. “Era importante per noi costruire una vettura prevedibile e in grado di offrire un sufficiente grado di flessibilità per rispondere ai dati raccolti in pista durante le fasi di sviluppo”, ha detto il papà della vettura entrato nel gruppo lo scorso anno. A questo punto la parola non spetta che alla pista dove la macchina sarà data in mano a due giovani come Perez e Kobayashi. Sicuramente non esperti. Ma pieni di grinta e motivazioni. Come piace al boss Peter Sauber.