F1 2011, Singapore: Massa-Hamilton, incidente e lite in diretta Tv

Formula 1: video e foto con i commenti di Felipe Massa e Lewis Hamilton dopo l'incidente che li ha visti protagonisti nel Gran Premio di Singapore 2011

da , il

    felipe massa lewis hamilton incidente singapore 2011

    GP di Singapore 2011 rovente tra Hamilton e Massa. Tutto ha avuto inizio durante le qualifiche con un incidente che definirei diplomatico. Lewis Hamilton tenta in tutti i modi di passare Felipe Massa durante il giro di lancio. Alla fine ci riesce e tira fuori una bella prestazione. Non fa lo stesso il pilota Ferrari. Forse deconcentrato dal comportamento del collega McLaren. Forse non ne aveva. A fine prove ufficiali il brasiliano dichiara:“Sinceramente non capisco perché volesse passare ad ogni costo: eravamo tutti in fila nel giro di lancio e non aveva proprio nulla da guadagnare comportandosi in quel modo”. Non sapeva che il più doveva ancora accadere…

    FELIPE MASSA. “Stavo provando a passare ma lui mi ha bloccato più volte. Poi sono riuscito a passare”, ha affermato Lewis Hamilton in risposta a Massa subito dopo le qualifiche. In gara, nel tentativo di sorpassare, finisce col tamponarlo bucandogli una gomma. La furia del pilota Ferrari si scatena al termine del Gran Premio di Singapore quando il brasiliano va a cercare Hamilton per fargli degli ironici complimenti:“Ben fatto” e pacca sulla spalla. In conferenza stampa Massa aggiunge:“Inutile nascondere la delusione e la rabbia per una gara che poteva darmi un risultato ben diverso. Il contatto con Hamilton mi ha danneggiato in maniera molto pesante perché ho perso tantissimo tempo nelle fasi iniziali, quando il traffico era ancora molto intenso - dichiara il pilota di San Paolo – A fine gara ho cercato di parlargli per chiarire l’episodio ma lui se n’è andato senza nemmeno rispondermi: allora gli ho detto quello che pensavo quando ci siamo ritrovati nell’area interviste”.

    LEWIS HAMILTON. In certi casi la miglior difesa è l’attacco. Hamilton usa questa tattica in pista. Spesso. Al di fuori, preferisce la fuga ignorando Felipe Massa e, se possibile, incentivando il nervosismo del brasiliano. Stavolta nelle interviste di rito il pilota McLaren non critica i commissari per la penalità e non se la prende con nessuno dei suoi colleghi:“E’ stato divertente superare delle vetture dopo la penalità ma non è stato bello trovarsi dietro. Ho raccolto un’altro week-end con opportunità mancate”. Niente colpe. Niente giustificazioni. Solo la fretta di lasciare Singapore e sperare in qualcosa di meglio a Suzuka tra due settimane.