F1 2011, test Ferrari: le novità si fanno sentire

Formula 1 2011: al termine della prima giornata di test con la Ferrari 150° dotata delle novità aerodinamiche Felipe Massa commenta in modo positivo

da , il

    ferrari 150 italia test barcellona

    La Ferrari 150° Italia che ha girato nell’ultimo test di Barcellona è decisamente diversa rispetto a quella vista nelle settimane precedenti. Come già anticipato, da Maranello sono arrivate nuove componenti su tutti i principali aspetti aerodinamici. Felipe Massa commenta positivamente il primo contatto con queste soluzioni tra le quali spicca una nuova ala anteriore, una rivisitazione dell’ala posteriore e, soprattutto, un nuovo sistema di scarichi.

    TEST FERRARI F1 2011. 101 giri per la Ferrari di Felipe Massa nella prima giornata di test dell’ultima settimana a disposizione dei team in questo pre-stagione. Il migliore, in 1.23.324, gli è valso il quinto posto nella classifica dei tempi ad oltre un secondo dal leader Sebastian Vettel. L’obiettivo di giornata per il Cavallino Rampante era provare diverse configurazioni aerodinamiche per approfondire la conoscenza con le novità aerodinamiche montate sulla Ferrari F150° Italia. Come detto, particolare attenzione è stata posta al sistema degli scarichi che sono stati posizionati ai lati della parte posteriore del fondo.

    FELIPE MASSA. “Le prime sensazioni sono positive. L’effetto delle novità si fa sentire sul comportamento della vettura, in particolare quello degli scarichi – ha dichiarato Felipe Massa sul sito ufficiale Ferrari - Oggi abbiamo lavorato soprattutto sul confronto incrociato fra varie configurazioni, soprattutto nell’area dell’ala anteriore. Anche oggi abbiamo fatto tanti chilometri, il che è sempre una cosa buona.” Anche oggi la Ferrari 150° sarà affidata al brasiliano. Da domani toccherà ad Alonso. Per Massa, quindi, non resterà che fare il conto alla rovescia per l’inizio di stagone:“Vero, mi restano sette ore di pista a disposizione: cercheremo di sfruttarle al meglio. Sicuramente ci sarà modo di lavorare sulla distanza per avere ulteriori informazioni sul comportamento delle gomme, che saranno comunque uno dei fattori cruciali in questa stagione”, ha spiegato.