F1 2011, test Jerez: la Ferrari va a tutta birra

Formula 1 2011: nei test di Jerez la Ferrari F150th Italia brilla

da , il

    test ferrari f1 2011 massa jerez

    La Ferrari va a tutta nei primi due giorni di test sul circuito di Jerez. Felipe Massa pur non andando sistematicamente a cercare il tempone riesce a stazionare davanti a tutti. L’unico in grado di fare meglio di lui, per soli 61 millesimi, è Michael Schumacher che, però, guida una Mercedes nettamente più lenta sul passo gara. Non solo cronometro, però, per il Cavallino. Anche l’affidabilità è stata sino ad ora ottimale. La sessione di Jerez de la Frontera si conclude oggi con Fernando Alonso.

    TEST FERRARI F1 2011. Dopo due giorni di test sul circuito di Jerez, Felipe Massa ha lasciato il volante della sua F150th Italia a Fernando Alonso. Il programma del brasiliano è stato brillantemente concluso grazie all’affidabilità della Ferrari ed alle ottimali condizioni meteo. Il lavoro è stato incentrato principalmente sull’analisi del comportamento delle quattro mescole della Pirelli, su prove di assetto e aerodinamica e sulla valutazione delle modifiche al carico aerodinamico che avvengono con l’usura degli pneumatici.

    FELIPE MASSA. “Abbiamo provato tutti e quattro i tipi di pneumatici portati qui dalla Pirelli e abbiamo potuto raccogliere tantissimi dati. C’è molto da lavorare prima per capire il comportamento delle gomme e poi per trovare le giuste regolazioni della vettura”, stanco ma soddisfatto, Felipe Massa ha commentato questi due giorni di test. “I tempi? - ha proseguito il brasiliano nel minimizzare il responso del cronometro - E’ sempre meglio fare una buona prestazione, anche se non significano ancora nulla. Da qui alla prima gara cambieranno tantissime cose, nella nostra macchina così come nelle altre”. La parola d’ordine alla Ferrari è non guardare in casa d’altri ma concentrarsi sul proprio lavoro. “Dobbiamo cercare di capire quanto più possibile il comportamento della vettura ma è chiaro che, per quanto riguarda l’ala posteriore, ancora non sappiamo come funzionerà in occasione di un sorpasso – ha spiegato Massa rispondendo ad un giornalista che chiedeva un commento sull’ala mobile posteriore - Per questo è importante avere una monoposto affidabile per impiegare nella maniera migliore il tempo disponibile.”