F1 2011, Vettel: in Red Bull fino al 2014

Sebastian Vettel rimarrà alla Red Bull almeno fino alla fine del 2014, dopo la conferma ufficiale da parte del team austriaco dell'estensione del contratto con il giovane campione del mondo di carica

da , il

    seb 2011

    Sebastian Vettel resterà alla Red Bull almeno fino alla fine del 2014. Il team di Milton Keynes ha confermato le indiscrezioni delle ultime ore, secondo le quali il tedesco campione del mondo in carica era vicino a un accordo a lungo termine con la sua squadra. Il contratto, che già prevedeva un impegno da parte del biondino di Heppenheim con i bibitari fino a fine 2012, è stato così esteso per altri due anni. Niente Ferrari o Mercedes dunque nel futuro del giovane iridato, come ipotizzato dai media negli ultimi mesi, ma ancora molte stagioni al volante dei bolidi austriaci.

    RED BULL RACING. Niente Ferrari nel futuro di Sebastian Vettel. Almeno fino al 2014. La Red Bull ha infatti confermato nella giornata odierna di aver esteso il contratto che lega il giovane campione del mondo in carica con i bibitari fino al 2014. Media e tifosi, possono così smettere di speculare e sognare, per chi avrebbe voluto vedere il biondino iridato al volante di una rossa nel giro di pochi anni. Vettel non ha mai negato che il sogno di qualunque pilota si chiami Ferrari ma, vista anche la sua giovane età, per il momento sembra preferire cavalcare l’onda della Red Bull, il team rivelazione delle ultime due stagioni e che anche quest’anno si appresta a viaggiare un gradino sopra i suoi rivali. Maranello dunque può attendere. E insieme a Vettel, sembra che la Red Bull sia prossima ad estendere i contratti anche con le figure chiave del personale tecnico, tra cui la gallina dalle uova d’oro Adrian Newey, padre del gioiello a quattro ruote che fu la RB6 e che da quanto visto finora sembra essere anche la RB7.

    SEBASTIAN VETTEL. “L’intenzione di estendere il contratto fino al 2014 era reciproca”, ha commentato il consulente sportivo del team austriaco, Helmut Marko. “Sia noi che Sebastian volevamo proseguire la partnership, per questo è stata una semplice formalità”. E il giovane campione del mondo si è già mostrato in ottima forma in occasione dei test invernali, dove la nuova RB7 si è subito distinta in mezzo al gruppo. “Non abbiamo ancora fatto una gara, è ancora presto per parlare”, ha però minimizzato il pilota tedesco. “Ma è vero che la macchina va bene e sembra affidabile. Inoltre, a Valencia eravamo già abbastanza soddisfatti per quanto riguarda la velocità e da lì in avanti abbiamo sistematicamente lavorato per migliorarci e costruire su questi aspetti. Ora non ci resta che scendere in pista e vedere chi ha fatto meglio i compiti quest’inverno!”.