F1 2012: anche la Ferrari avrà il correttore d’assetto

Formula 1: anche la Ferrari sarà dotata dell'innovativo sistema che consente di correggere l'assetto della vettura

da , il

    correttore d'assetto - Ferrari 2012

    La Ferrari risponde “presente” al primo esame della stagione 2012 di Formula 1. Anche la vettura che sarà guidata da Fernando Alonso e Felipe Massa sarà dotata del correttore d’assetto. Tale soluzione era salita agli onori delle cronache alcuni giorni fa quando si era saputo che sarebbe stata presente sull’arrembante Lotus del rientrante Kimi Raikkonen. Non farsi trovare impreparati di fronte alle novità è una delle missioni primarie che si sono dati i tecnici del Cavallino. Ora siamo curiosi di scoprire cosa avranno in serbo, sul tema correttore d’assetto, gli altri top team.

    FERRARI F1 2012. Nel caso in cui ad inizio stagione tutte le vetture abbiano il correttore d’assetto come dichiarato per prima dalla Lotus, dovremo valutare chi lo avrà sviluppato meglio nel corso dell’inverno. Diversamente, è possibile che nascano diverse polemiche – da parte dei team che non ne dispongono – sulla legalità di tale sistema. In attesa che la Federazione di pronunci in merito e ne consenta l’utilizzo, la Ferrari mantiene la prima promessa: non farsi trovare impreparata. A tal proposito, il team principal Stefano Domenicali fa capire che sotto il cofano della Rossa 2012 c’è molto altro:“Siamo in attesa del responso da parte della FIA per conoscere quali dispositivi saranno accettati. Intanto, comunque, stiamo valutando l’effettivo impatto positivo sulle prestazioni di alcuni di questi”.

    FORMULA 1 2012. Obiettivo della Ferrari è mettere in pista una vettura più innovativa della concorrenza che consenta a Fernando Alonso e Felipe Massa, una volta tanto, di fare da lepri anziché dover inseguire come accaduto negli ultimi anni. Per ottenere questo risultato, i tecnici stanno provando a toccare il limite del regolamento in ogni area. Non a caso, in perfetto stile Adrian Newey, la monoposto non ha superato tutti i crash test al primo tentativo. Ricordiamo che senza questo esame, sarà impossibile portare la macchina in pista per la prima sessione di test prevista dal 7 febbraio a Jerez de la Frontera.