F1 2012, Ecclestone: “Scommetto su Vettel ma anche Alonso merita il titolo”

da , il

    F1 2012, Ecclestone: "Scommetto su Vettel ma anche Alonso merita il titolo"

    E’ Bernie Ecclestone il primo ad esporsi. Preparatevi: nei prossimi giorni tutti i più o meno autorevoli protagonisti della Formula 1 diranno giustamente la loro sull’argomento. Alcuni staranno con Sebastian Vettel, altri con Fernando Alonso. Il patron del Circus, come suo solito, non si preoccupa di essere troppo imparziale e dichiara all’agenzia di stampa SID:“Scommetterei su Vettel. Penso vinca Sebastian che in questo momento ha più punti e quindi è più meritevole per quello che ha fatto”. L’82enne boss della FOM ha parole di stima, però, anche per lo spagnolo della Ferrari. Sai che fatica…

    Ecclestone: “Punti su Vettel ma bravo anche Alonso”

    Sebastian Vettel è il favorito. E’ il più forte. E’ quello che ha vinto più gare. Merita il titolo mondiale di Formula 1 2012, secondo Bernie Ecclestone. Se, per uno strano gioco del destino, però, il mondiale finisse nelle mani di Fernando Alonso, non ci sarebbero da fare drammi:“Per la maggior parte della stagione Fernando (Alonso, ndr) non ha avuto la miglior macchina, quindi penso che se lo meriti anche lui”, ha aggiunto il britannico. Più drastico è stato il nuovo uomo al vertice della scuderia Mercedes, Niki Lauda:“Alonso può vincere solo se Vettel avrà un problema alla macchina”. Praticamente il 99% del popolo della Formula 1 concorda con questa affermazione. Quanto accaduto pochi giorni fa a Mark Webber, dimostra che una flebile speranza ha qualche ragione di essere tenuta in vita.

    GP Brasile F1 2012: gara storica, in ogni caso

    Comunque vada, il prossimo Gran Premio del Brasile sarà una gara storica. Non solo perché assegnerà il titolo di campione del mondo della stagione 2012 di Formula 1 ma anche perché uno tra Sebastian Vettel e Fernando Alonso taglierà il prestigiosissimo traguardo dei tre titoli mondiali vinti. Essere a quota due è un discorso da fenomeni. Arrivare a tre è un’altra storia. Si entra nell’Olimpo. Chi da anni ne fa parte è Michael Schumacher. Il Kaiser ne ha collezionati sette riscrivendo ogni record di questo sport. E la gara di Interlagos sarà storica anche perché rappresenterà il suo secondo e definitivo addio alle competizioni:”E’ un bel posto per terminare la carriera perché è pieno di storia – ha dichiarato Schumi sul sito Mercedes - il mio ritiro sarà meno commovente del 2006, quelli erano gli anni in cui combattevo per il mondiale e tutto era vissuto più intensamente, questa volta credo che invece potrò assaporarmi meglio la giornata e salutare tutti come si deve e ringraziarli per il supporto e l’affetto”.