F1 2012, Ferrari replica a Red Bull: anche noi pronti subito

Formula 1: la Ferrari replica alla Red Bull e conferma che anche la sua monoposto sarà presentata prima del primo test del 2012

da , il

    F1, Gran Premio di Brasile   Venerdi pregara

    La Ferrari si prepara con scrupolosa concentrazione alla stagione 2012 di Formula 1. Quella del riscatto obbligato. La scuderia italiana non vuole essere da meno rispetto alla supervincente Red Bull neanche sul fronte dei comunicati stampa. E’ una marcatura a “uomo”. Nei giorni scorsi la scuderia di Vettel e Webber faceva sapere di essere in grado di presentare la nuova monoposto già prima dell’inizio dei test invernali. Stessa affermazione arriva dagli uomini di Maranello che ribadiscono:“La nuova Ferrari sarà in chiara rottura con il passato”.

    FERRARI F1 2012. Estrema come concetti. Molto diversa come forme rispetto al passato. Soprattutto:La nuova Ferrari di Formula 1 sarà presentata in tempo per scendere in pista nella prima sessione di test”, sono queste le ultime dichiarazioni che arrivano dalla Ferrari e che sembrano una chiara risposta a quelle uscite dalla fabbrica Red Bull. Il responsabile delle comunicazioni esterne Luca Colajanni ha dichiarato ad Autosprint:“Non è importante dire che il nuovo progetto sarà estremo ma sarà una netta rottura con il passato. L’obiettivo è vincere e segnare un cambiamento di mentalità nel team”. Ricordiamo che la prima sessione di test invernali è prevista a Jerez de la Frontera in Spagna dal 7 al 9 febbraio.

    ARRIVA JONATHAN HEAL! C’è un nuovo arrivo in casa Ferrari. Trattasi di Jonathan Heal… from Woking. Pat Fry continua a chiamare a Maranello tecnici di sua conoscenza. Tutti appartenenti alla famiglia McLaren. Nella biografia di Heal si trova una laurea come ingegnere aeronautico ed un’esperienza alla corte di Ron Dennis dal 2005 dove si è specializzato in materiali compositi (telaio e sospensioni) per poi crescere all’interno del reparto calcoli. La colonia di tecnici ex-McLaren continua a proliferare. Cose che capitano se viene dato il comando della parte tecnica ad un uomo che proviene dalla stess factory. Andando in ordine sparso citiamo Lawrence Hodge, Rupert Darekar, Giacomo Tortora, Ioannis Veloudis e il più celebre esperto di strategie Neil Martin. Quello che molti osservatori si chiedono è se sia un rischio riporre troppa fiducia in uomini che negli ultimi anni, comunque la si guardi, hanno portato in pista macchine buone ma raramente vincenti. La verità, però, è che di Adrian Newey ce n’è uno solo…