F1 2012, FIA: diffusori tutti legali! Per ora…

Formula 1: dalle verifiche tecniche della FIA risulta che non ci sono monoposto 2012 irregolari

da , il

    Ferrari F2012 a Jerez per i primi test ufficiali di Formula 1

    La FIA ha inviato il proprio delegato tecnico Charlie Whiting ai test di Jerez per analizzare le nuove monoposto che parteciperanno al Campionato Mondiale di Formula 1 2012. Il fine era quello di trovare e bandire eventuali furbate non in linea con il regolamento. L’intento era ottimo: troppo spesso a stagione in corso vengono alzate polemiche sulla regolarità o meno di alcune soluzioni tecniche adottate, guarda il caso, dalle monoposto più veloci e vincenti. Jean Todt vuole che nel 2012 nessuno alzi un dito. Al termine dei controlli è arrivata la notizia che tutte le vetture sono regolari. Eppure in molti scommettono che alcuni team come McLaren e Ferrari non abbiamo presentato la versione definitiva dei loro scarichi. Perché è sugli scarichi che si gioca la partita…

    Scarichi Formula 1 2012: tutti regolari al primo esame

    Charlie Whiting ha dato l’ok a tutte le monoposto di Formula 1 2012. Il delegato tecnico della FIA ha analizzato i vari progetti, dedicando particolare attenzione al tema degli scarichi che, lo ricordiamo, da quest’anno non potranno più aiutare a creare carico aerodinamico soffiando sul diffusore. “Al momento tutti sono legali. Non ho registrato grosse differenze tra tutte le soluzioni adottate”. Se questo fosse confermato anche nei prossimi test, la Federazione Internazionale dell’Automobile avrebbe centrato in pieno il bersaglio. Per evitare furbate e polemiche, il regolamento è stato scritto in modo molto restrittivo togliendo, di fatto, ai tecnici grosse possibilità di personalizzazione.

    F1 2012: la caccia ai furbi deve proseguire

    Fino a qui tutto bene. Eppure i top team, Red Bull, McLaren e Ferrari in testa, sembra non vogliano raccontarla tutta. Durante i test, i meccanici si sono affrettati a coprire la parte posteriore della vettura come a voler custodire più a lungo possibile un gran segreto. “Esiste sempre la possibilità che qualcuno trovi una soluzione al limite del regolamento”, ha confermato Adrian Newey. Tombazis della Ferrari ha dichiarato:“Abbiamo avuto molti scambi con la FIA e ci è stato garantito che la nostra auto è regolare”. La scuderia italiana ha apportato diverse modifiche nella zona degli scarichi durante i quattro giorni di test. Per il bene dello sport, già da Barcellona e poi fino a Melbourne, è bene che la FIA continui a tenere gli occhi ben aperti…