F1 2012: l’alternatore farà altri scherzi a Red Bull e Lotus?

Formula 1: il ritiro di Valencia di Red Bull e Lotus è colpa di un componente elettronico del motore Renault che rischia di dare altri problemi in futuro

da , il

    Gp Montreal 2012   Venerdi Pre Gara

    Il caldo di Valencia ha evidenziato importanti problemi di affidabilità per Lotus e Red Bull. La causa è stata immediatamente individuata nell’impianto elettrico fornito dalla Renault, più precisamente nell’alternatore. Il fatto che l’anomalia sia venuta alla luce con facilità, non deve far dormire sonni tranquilli ai team spinti dai motori francesi. I motivi che stanno dietro ad i KO di Sebastian Vettel e Romain Grosjean sono diversi. E denotano una sostanziale fragilità di quel componente. Fragilità emersa solo nel momento in cui è arrivato il vero caldo estivo. La Renault fa le sue scuse ai team danneggiati ma per farsi perdonare ha solo un modo: garantire per il Gran Premio di Gran Bretagna, in programma tra una settimana, che da qui a fine stagione non si ripeterà più un fatto del genere.

    Renault: scuse a Red Bull e Lotus

    Remi Taffin, responsabile delle operazioni pista della Renault, dichiara:“Dobbiamo scusarci con la Red Bull e con la Lotus. Hanno avuto entrambi dei guasti all’alternatore. Sembra per ragioni diverse. Sebastian Vettel ha avuto un surriscaldamento del motore che ha finito con lo spegnersi mentre Romain Grosjean ha avuto un calo di potenza all’impianto elettrico”. Anche la Caterham di Kovalainen ha avuto alcuni problemi al Kers che, comunque, non hanno impedito al finlandese di vedere la bandiera a scacchi. Rob White, vice direttore di Renault Sport F1, ha aggiunto:“Abbiamo fatto dei controlli approfonditi, ma non sono emerse le ragioni che hanno determinato le rotture per cui stiamo conducendo ulteriori test al banco di Viry per replicare le condizioni di domenica”. White ha confermato che sulla Red Bull di Vettel si erano già avute delle avvisaglie che qualcosa non andasse per il verso giusto ben prima dell’arrivo della safety car. Del tutto improvvisamente, invece, è arrivato lo stop della Lotus. “Stiamo valutando varie soluzioni – ha concluso l’uomo Renault - o faremo delle modifiche o torneremo indietro ad una specifica del 2011. Non è escluso che si facciano delle variazioni alla mappatura del motore o si rinforzi le parti meccaniche o si decida di migliorare il raffreddamento”.

    Lotus: “Ci rifaremo a Silverstone”

    Il ritiro di Sebastian Vettel peserà sicuramente in ottica mondiale. Non si può dire altrettanto per la Lotus che in questo 2012 mira a togliersi delle soddisfazioni vincendo delle gare ma non si sente ancora pronta per puntare al bersaglio grosso. Il ritiro di Romain Grosjean, quindi, brucia solo fino ad un certo punto per Eric Boullier:“E’ frustrante non vincere ma è arrivato un secondo posto con Kimi. Senza i problemi all’alternatore della Renault avrebbe vinto Vettel e noi saremmo stati secondi con Romain”. Il team principal di Enstone ha parole d’elogio per il finlandese e chiama tutta la squadra a dare il massimo per l’appuntamento di Silverstone:“Raikkonen è stato bravo, il migliore. Ha saputo evitare il traffico ed approfittare delle opportunità che gli sono capitate. In Gran Bretagna ci aspettiamo una bella gara per noi perché alle nostre monoposto piacciono le curve veloci”, ricorda il francese. E pure a Kimi, aggiungiamo noi.