F1 2012: Mercedes più veloce della Red Bull?

Formula 1 2012: un'analisi dei tempi fatti nei test descrive la Mercedes come più veloce anche di Red Bull, McLaren e Ferrari

da , il

    Michael Schumacher, Mercedes f1 2012 test

    C’è un’analisi del lavoro svolto dai vari team di Formula 1 2012 nelle tre settimane di test invernali che descrive la Mercedes W03 di Schumacher e Rosberg come la monoposto favorita per il titolo mondiale. Chi ha firmato la sentenza è una rivista autorevole che risponde al nome di Auto Motor und Sport. Autorevole ma tedesca. Viene da aggiungere. Il punto, però, è che sono in molti a non fidarsi di Ross Brawn. L’ex direttore sportivo Ferrari avrebbe accuratamente tenuto un basso profilo per poi giocare un bello scherzetto a Red Bull e McLaren.

    Dalla Germania: Mercedes favorita per il 2012

    Quelli di Auto Motor und Sport hanno analizzato i tempi fatti nei long run dei test dalle varie monoposto e sono arrivati ad una loro conclusione:“La Mercedes è più veloce della Red Bull”. Sia Schumacher che Rosberg hanno promosso da subito la nuova nata di Brackley. Le sorprese non sono finite. Secondo i tedeschi, la Sauber è stata la seconda vettura più veloce seguita da Red Bull, McLaren e Lotus. Solo sesta è la Ferrari.

    Mercedes: non siamo favoriti

    Norbert Haug butta acqua sul fuoco dei facili entusiasmi defilandosi dalla lotta per il titolo di F1 2012:“Non si può creare un nuovo team e vincere dopo soli due anni. Non lo ha fatto la Red Bull e non lo abbiamo fatto noi quando siamo arrivati in McLaren - ha ricordato – dobbiamo accettare questo periodo come tempo di assestamento”.

    Schumacher: sono ancora competitivo!

    Il primo a beneficiare di una Mercedes al top sarà Michael Schumacher. Il sette volte iridato sta per affrontare quella che potrebbe essere la sua ultima stagione in Formula 1. “Non so se le mie attuali prestazioni sono le stesse di quando avevo 30 anni - ha ammesso – ma so anche che sono abbastanza competitivo per essere stare ancora qui”. Rivedendo le sue ambizioni, Schumacher ha spiegato di non puntare più all’ottavo titolo mondiale ma a regalare alla Mercedes la prima vittoria in Formula 1 della nuova era.