F1 2012: Mercedes studia un F-Duct all’anteriore

Formula 1: scoop dalla Germania, la Mercedes GP sta lavorando ad una inedita soluzione di F-Duct all'anteriore

da , il

    mercedes gp f duct anteriore f1 2012

    La Mercedes GP vuole sbaragliare la concorrenza con una grande novità tecnica. Ross Brawn, vincitore del campionato 2009 grazie al celebre diffusore col buco, vuole presentarsi ai nastri di partenza della stagione 2012 di Formula 1 con una nuova invenzione. Secondo alcune indiscrezioni, la scuderia di Schumacher e Rosberg starebbe lavorando ad una rivoluzionaria ala anteriore, equipaggiata con un sistema F-Duct Ricordiamo che la McLaren fece esordire questa idea nel 2010 sull’ala posteriore. Entro fine stagione fu copiata da tutti i team per poi diventare vietata a partire dal 2011.

    MERCEDES GP. Un F-Duct all’anteriore? Per un non-tecnico è persino difficile da immaginare. A questo, però, stanno lavorando gli uomini Mercedes GP che, sotto l’impulso di Ross Brawn, vogliono ardentemente portare in pista una monoposto che abbia un significativo vantaggio competitivo nei confronti della concorrenza. Non tanto per vincere con un giro di vantaggio. Piuttosto per avere la certezza di ricucire il gap che li separa da Red Bull, McLaren e Ferrari. Il nuovo F-Duct all’anteriore sarebbe composto da una presa ovale nel musetto della monoposto che spara l’aria verso il posteriore. La grossa differenza con il sistema 2010, divenuto vietato, è che qui avverrà tutto automaticamente, senza l’intervento del pilota il quale, in certi casi, era costretto a staccare una mano dal volante mentre la macchina viaggiava a più di 300 all’ora. Brawn ha lanciato il sasso. Ora è sicuro che tutti gli altri lavoreranno sullo stesso progetto. Tentando di fare, se possibile, meglio.

    RED BULL 2012. Mentre la Mercedes si ingegna per fare un salto di qualità sensibile, la Red Bull resta secondo tutti gli osservatori la monoposto da battere. Sempre e comunque. A tal proposito il team principal Christian Horner dichiara:“Non sarà sempre così facile. Non dobbiamo sottovalutare Ferrari, McLaren o Mercedes. Non vogliamo pensare che il nostro livello di performance sia normale”. Se vi siete chiesti come mai non c’era Adrian Newey nel GP di Suzuka, giorno della vittoria del titolo costruttori, la risposta è semplice:“E’ in fabbrica a lavorare sulla nuova macchina. Sono momenti importanti questi e vanno sfruttati”, ha detto Horner.