F1 2012, Red Bull: “Alonso avversario fastidioso”

Formula 1: Fernando Alonso non fa dormire sonni tranquilli agli avversari

da , il

    F1 2012, Red Bull: "Alonso è fastidioso"

    Forse quelli della Red Bull si sono dimenticati che, tre Gran Premi fa in quel di Spa-Francorchamps, Fernando Alonso non è andato oltre la prima curva collezionando un pesante zero in classifica mondiale. Forse quell’episodio è stato ignorato, perché – semplicemente – lo ha visto protagonista del tutto involontario. Allora dobbiamo dar ragione a Christian Horner quando dichiara ad Autosport:“Il campionato per noi è ancora del tutto aperto ma è fastidioso vedere che Fernando Alonso riesce sempre a salire sul podio”.

    Red Bull, Horner: “Fastidioso Alonso, sempre sul podio”

    Un fastidio, una spina nel fianco, è questo Fernando Alonso per la Red Bull e per chiunque voglia sfidarlo quest’anno. Eccezion fatta per il già citato incidente alla prima curva del Gran Premio del Belgio che, oltretutto, lo ha visto protagonista completamente involontario, il pilota spagnolo e la Ferrari sono sempre riusciti a tirare fuori il massimo da ogni situazione. Partito spesso come mezzo spacciato, alla fine lo abbiamo trovato sul podio a limitare i danni o – peggio ancora per gli avversari – vittorioso dopo aver sfruttato al meglio delle circostanze impreviste. In vista della volata per il titolo che vedrà Sebastian Vettel tra i protagonisti assoluti, Chris Horner ha dichiarato:“Seb è molto concentrato, ha avuto qualche sfortuna ma ha riaperto le porte per il campionato con grandi prestazioni. Noi gli dobbiamo dare una macchina sempre migliore e per questo stiamo spingendo sullo sviluppo”.

    McLaren, Button:”Recupare punti su Alonso”

    Fernando Alonso avrà molti nemici dai quali guardarsi in questo finale di 2012. Lo scenario è da arma a doppio taglio. In un Gran Premio favorevole, ad esempio, potrà contare sull’aiuto involontario di gente come Button, Webber, Raikkonen, Maldonado, Perez… che toglierà punti agli avversari più pericolosi. In gare più difficili, invece, sarà proprio il disturbo di questi personaggi a favorire Vettel e Hamilton. “Credo sia difficile per tutti raggiungere Alonso. Unica eccezione è Sebastian [Vettel] – ha affermato Jenson Button alla BBC – Vedo al momento una lotta a due anche se molti altri potrebbero inserirsi ed è quello che vogliamo fare anche noi”. A sei gare dal termine del campionato 2012 di F1, Vettel è indietro di 29 punti mentre Hamilton e Button accusano, rispettivamente, un ritardo di 52 e 75 lunghezze. “Abbiamo visto che una sola gara può fare la differenza - ha aggiunto l’inglese – noi stiamo andando forte ma dobbiamo farlo con entrambe le macchine”.

    Lauda: chapeau ad Alonso

    In segno di rispetto, Niki Lauda si è persino tolto il suo immortale cappellino quando è salito sul podio di Hockenheim per intervistare Fernando Alonso. A distanza di un paio di mesi, il tre volte iridato non ha cambiato idea sul conto dello spagnolo:”Sarà il nuovo campione del mondo di Formula 1 - si legge sul sito ufficiale f1.com – è veloce, aggressivo se serve ma riesce a portare la macchina al traguardo. Lo chiamerei Sig. Giusto!”