F1 2012: Vettel già campione del mondo? Non andiamoci piano!

Formula 1: Vettel ha anche la benedizione della statistica per avvicinarsi al titolo 2012

da , il

    vettel campione del mondo f1 2012 statistiche

    Sappiamo bene che nello sport non si può mai dire che è finita fino a quando non è davvero finita. Nel caso di Sebastian Vettel e della stagione 2012 di Formula 1, però, si fatica ad immaginare scenari alternativi. Appurato che il titolo costruttori è già in cassaforte (si tratta solo di passare dalla cassa a riscuoterlo), può davvero la Red Bull perdere il più prestigioso titolo piloti? Come se non bastassero le favorevolissime indicazioni arrivate dalla pista e lo straordinario trend positivo infilato – va ricordato – con assoluto merito, ci si mette anche la statistica a spazzare ogni dubbio.

    Red Bull: la rimonta di Vettel non lascia speranze

    Fernando Alonso ce la metterà tutta. Lo farà pensando alla legge dei grandi numeri. Prima o poi un’eccezione alla regola c’è sempre. Eppure la storia della Formula 1 ci dice che, nei 17 precedenti casi in cui un pilota è stato capace di vincere 4 gare di fila in una stagione, quel pilota ha sempre conquistato il titolo di campione del mondo. Tra questi, citiamo anche Alonso nel 2006. Anno in cui riuscì a soffiare l’ottavo titolo ad uno Schumacher sulla via della pensione. Ad aggravare la posizione dello spagnolo e della Ferrari, inoltre, c’è il già citato trend. Ormai le gare che restano sono solo 3. Come si pensa possibile invertire una rotta che corre spedita, dritta, senza dare segnali di cedimento, già da 4 gare? Detta in altri termini: se anche tutte le gufate del box Rosso andassero a segno e Vettel si trovasse out per ritiro in una delle prossime tre restanti uscite, le probabilità di chiudere la stagione con un punto in più del tedesco sarebbero comunque infinitesimamente poche. In ballo, lo ricordiamo, ci sono 25 punti per la vittoria, 18 punti per il secondo posto e 15 per il terzo. Vettel ne ha oggi 13 di vantaggio sull’asturiano. 4 gare fa era sotto di lui di 39 e, come la Red Bull si è data una svegliata, gliene ha rifilati 52!

    Vettel-Ferrari: matrimonio che fa arrabbiare… tutti!

    Si dice che uno dei principali motivi di nervosismo per Fernando Alonso, oltre alle scarse prestazioni della F2012, sia la mancata presa di posizione da parte della Ferrari nei confronti dei continui rumours che danno Sebastian Vettel in procinto di approdare a Maranello nel 2014 al posto di Massa. La storiella non piace neppure alla Red Bull. Helmut Marko ha recentemente dichiarato che il pilota tedesco starà con gli austriaci almeno per altri due anni. Il suo intervento è servito solo in parte. Tant’è che oggi si trova di nuovo costretto a parlare dell’argomento:“Non ci si comporta così. Queste voci sono state create solo per destabilizzarci – ha affermato a MTV3 – Non so da chi derivino ma so che non sono vere. Sebastian ha un contratto con noi ed oltretutto non è uno stupido. Non penso voglia diventare compagno di squadra di Alonso che, invece, ha un contratto con la Ferrari fino al 2016″. Dal canto suo, Vettel decide di rompere l’atteggiamento altre volte ambiguo per mandare un segnale chiaro:“Mi dispiace leggere scemenze sulla stampa che possono determinare preoccupazioni in fabbrica. Voglio essere chiaro: io sono al 100% con la Red Bull e sono molto felice qui”