F1 2013, Alonso: “Sorpresa se la Ferrari vincesse una delle prime gare” [FOTO e VIDEO]

Per Fernando Alonso il Gran Premio di Malesia 2013 a Sepang sarà il 200mo in carriera

da , il

    Alonso GP Malesia

    AP/LaPresse

    Il week end che ha davanti Fernando Alonso sarà il duecentesimo della carriera. Non la duecentesima gara, poiché non prese parte al gran premio degli Stati Uniti del 2005, comunque un traguardo da festeggiare quello del Gran Premio di Malesia. Quale miglior modo se non la prima vittoria stagionale, là dove lo scorso anno – in condizioni anomale – ottenne il successo con la mediocre F2012? Eppure l’asturiano va cauto e prova a stemperare l’entusiasmo che questa Ferrari formato 2013 ha fatto nascere nei tifosi.

    «Sarebbe una sorpresa se riuscissimo a vincere una di queste prime gare», ha detto a Sky Sports UK. Sorpresa non più grande di quella avuta 12 mesi fa. Certo, Sepang sarà tutt’altro banco di prova rispetto a Melbourne, con l’aerodinamica chiamata in causa in maniera ben più probante. I curvoni veloci, il carico sulle gomme, la conseguente usura, saranno temi amplificati rispetto al gran premio d’Australia.

    «Una vittoria sarebbe certo benvenuta, ma servono diverse condizioni, come avvenne l’anno scorso in Malesia con la pioggia. In condizioni normali, l’obiettivo massimo a cui possiamo puntare è il podio», continua Alonso. Se la F138 avesse dato maggiori garanzie sull’usura delle gomme, già a Melbourne, con una tattica di gara su due soste, come Raikkonen, si sarebbe ottenuto il successo. Ma così non è accaduto, con i tecnici e il muretto che giustamente hanno preferito puntare a un podio sicuro, piuttosto che un replay del Canada 2012, quando una sosta in meno mise in crisi repentinamente le gomme.

    Quel che interessa a Nando è un risultato diverso a fine anno, dopo 3 stagioni in cui ha speso le migliori energie mentali e tecniche per tappare le pecche della monoposto. «Dobbiamo cambiare il risultato finale, è l’unica cosa da migliorare rispetto all’anno scorso. Sono da tre anni in Ferrari, con due stagioni nelle quali ho lottato per il titolo fino all’ultima gara: in entrambe le occasioni ho chiuso secondo, vogliamo cambiare il risultato finale».

    I media spagnoli riportano via Twitter poi altre dichiarazioni, tutte dirette a ribadire la forza della Red Bull, da non seppellire troppo in fretta. «Il degrado delle gomme che hanno avuto non significa non siano i più veloci. Vettel è il nostro rivale principale, non deve preoccuparsi perché in Malesia tornerà il caldo e la Red Bull davanti».

    A Melbourne due F138 diverse; aggiornamenti anche a Sepang?

    Non se ne staranno con le mani in mano i tecnici, visto che alcune fonti raccontano il rientro a Maranello di Pat Fry per verificare l’avanzamento dei lavori sul pacchetto aerodinamico previsto al debutto per il gran premio di Cina; sarà l’occasione per portare a Sepang altre micro-modifiche alla F138. In realtà, a Melbourne hanno già corso due vetture diverse: il telaio 299, usato da Alonso, aveva il cofano motore tradizionale, mentre sul telaio 300 di Massa è stata montata la specifica con lo sfogo d’aria davanti l’ala posteriore e forme più aderenti alla meccanica, nelle prove libere del venerdì.

    @fabianopolimeni

    FOTOGALLERY DAL PADDOCK DEL GRAN PREMIO D’AUSTRALIA 2013