F1 2013, Ferrari: Alonso salta i test di Jerez senza polemica

da , il

    Ferrari: Alonso salta i test di Jerez senza polemica

    Abbiamo già abbondantemente parlato nei giorni scorsi dell’assenza di Fernando Alonso dalla prima settimana di test invernali della stagione 2013. Nei quattro giorni di debutto della nuova Ferrari F138 sul circuito di Jerez, per ben tre sarà Felipe Massa a girare. Nell’ultimo, invece, farà il suo debutto assoluto al volante della Rossa di Maranello il neo arrivato Pedro De La Rosa. In questo programma, come detto, manca clamorosamente all’appello il leader indiscusso del box del Cavallino Rampante. Non c’è da fare, però, nessuna polemica. Lo spagnolo vuole concentrarsi sulla preparazione fisica, lasciando lo “sporco” lavoro di svezzare la nuova Ferrari ad altri. In cambio, la vettura sarà con molta probabilità tutta sua per tre giorni su quattro nella sessione successiva. Quella più importante.

    Montezemolo: “Assenza di Alonso è scelta Ferrari”

    Il presidente del Cavallino Rampante ci tiene a precisare un aspetto solo apparentemente secondario. In Ferrari è la squadra che fa certe scelte e non i piloti:“Le decisioni vengono prese dalla Ferrari, non da Alonso!”, ha dichiarato Montezemolo. Dal canto suo, Fernando Alonso ha ribadito:“Al termine dello scorso campionato, peraltro molto difficile, siamo stati impegnati in tante attività promozionali. Stesso discorso per la prima metà di gennaio. Non mi sentivo pronto per la prima sessione di test ed abbiamo deciso di sfruttare questo tempo per la mia preparazione fisica”. L’asturiano, perfezionista in ogni dettaglio, ha calcolato già tutto ed ha ammesso che il lavoro svolto nei prossimi quattro giorni a Jerez non avrà un significativo impatto sulle prestazioni:“L’obiettivo dei primi giorni di test è quello di avere un’impressione generale sulla macchina. Non guarderemo alla velocità. Dal canto mio sarò sempre in contatto con il team che mi informerà di tutto pur trovandomi a distanza”, ha concluso.

    F1 2014: Rory Byrne mette lo zampino sulla F2014

    Come ben sappiamo, la stagione 2013 vedrà lavorare i team su due binari paralleli. Da una parte si svilupperà la macchine attuale. Dall’altra si lavorerà ferocemente su quella completamente nuova, nata da un regolamento diverso, che scenderà in pista nel 2014. Per non lasciare nulla di intentato, su questo secondo progetto la Ferrari ha richiamato all’ordine un personaggio di grandissimo spessore: Rory Byrne. Il tecnico sudafricano, papà delle Rosse vincenti dell’era Schumacher, è da sempre rimasto nell’orbita del Cavallino Rampante come consulente. Ora, secondo i tedeschi di Auto Motor und Sport, il suo impegno sta aumentando in modo esponenziale ed è completamente focalizzato sulla nuova Ferrari del 2014. “La F138 è una bella macchina ma disegnarla è un gioco da ragazzi rispetto alla sfida che ci attende per il 2014″, ha ammesso il diretto interessato sottolineando quanto sarà importante interpretare al meglio i nuovi regolamenti.

    Bianchi proverà la Force India

    Nuove speranze per Jules Bianchi di esordire in Formula 1 nella stagione 2013. La Force India, ancora incerta su chi ricoprirà il ruolo di secondo pilota a fianco di Paul di Resta, lo ha chiamato a Jerez per partecipare alla prima settimana di test invernali. Il francese protetto dalla Ferrari dovrà battere la concorrenza di Adrian Sutil e dividerà la monoposto, oltre che con Di Resta, anche con James Rossiter il quale, al pari di Bianchi, è stato chiamato in Andalusia. Il 29enne ha maturato esperienze in F1 con BAR, Honda e Super Aguri. Lo scorso anno era sotto contratto con la Lotus.