F1 2013, i team copiano la sospensione pull-rod della Ferrari?

da , il

    F1 2013, i team copiano la sospensione pull-rod della Ferrari?

    Alla presentazione fu una “novità”, certo non rivoluzionaria visto che pescava indietro di circa 10 anni, quando la Minardi la propose per l’ultima volta, ma pur sempre un elemento distintivo rispetto alla concorrenza. La sospensione anteriore a tirante della Ferrari F2012 ha rappresentato un punto caratteristico della monoposto, inizialmente criticato durante i test invernali a causa della scarsa competitività della macchina.

    Adesso sembra che in ottica 2013 ci siano team che stanno valutando i benefici della soluzione, che potrebbe ripresentarsi ad esempio in McLaren.

    Dopo che la Red Bull ha dettato le regole nel 2009, prima monoposto a reintrodurre la sospensione pull-rod al posteriore in funzione dei minori ingombri e per sfruttare al meglio l’aerodinamica del retrotreno, la logica della sospensione anteriore Ferrari sta nella possibilità di alzare ulteriormente il musetto, mentre si accentua la caratteristica inclinazione verso il basso nella vista frontale dei triangoli.

    Il posizionamento delle masse risulta abbassato, visto che il bilanciere del tirante si colloca nella parte inferiore del muso, al pari dell’ammortizzatore e anche il tirante si mantiene quasi parallelo al terreno. Soluzioni che hanno come obiettivo specifico quello di creare un maggior passaggio d’aria da indirizzare verso la zona a coltello e poi sul fondo piatto.

    E’ curioso notare come tra le scuderie accreditate per uno studio della soluzione Ferrari, da riproporre sulla monoposto 2013, ci sia la McLaren, ovvero, l’unica vettura del lotto a essersi presentata a inizio anno con un musetto basso, senza lo scalino. Sono corsi ai ripari dai test del Mugello e dal Gran Premio di Spagna a Woking, indirizzandosi verso la strada del muso alto. Una scelta della sospensione a tirante andrebbe ad allontanarsi ancor di più dal progetto originario della MP4/27, nell’ultima stagione prima del cambiamento epocale di regolamenti del 2014.

    Red Bull sotto osservazione

    Nelle verifiche post-gara del Gran Premio d’Europa 2012, la macchina di Webber è stata a lungo ispezionata dai commissari nella zona delle sospensioni posteriori, questo è quanto riportato da Autosprint. Tra le novità più interessanti portate da Newey sulla RB8 a Valencia, oltre alla pinza freno posizionata in basso e parallela al terreno, anche un nuovo attacco superiore della sospensione posteriore, mentre stata modificata la presa d’aria alla base delle pance che alimenta il diffusore. Inoltre, il raccordo tra fondo piatto e pance è stato prolungato fino al diffusore.

    Vedremo se nelle prossime gare verrà riscontrata una violazione del regolamento, certo è che Adrian Newey ha l’abilità di osare e muoversi ai limiti delle norme. C’è chi lo chiama barare, chi sperimentare, chi azzardare. Ma nella Formula 1 dei copia-incolla, è l’unico progettista in grado di anticipare soluzioni in maniera continua.