F1 2013: la Lotus confema Grosjean, nonostante tutto…

da , il

    F1 2013: la Lotus confema Grosjean

    La Lotus ha confermato Romain Grosjean come secondo pilota anche per la stagione 2013 di Formula 1. Dopo le ultime opache prestazioni della seconda parte del 2012, il francese aveva visto traballare il proprio sedile. Non piaceva la sua eccessiva irruenza e l’incapacità di trasformare in punti in classifica il potenziale della monoposto di Enstone. Alla fine, però, il 26enne di origini svizzere ce l’ha fatta. Ora è chiamata ad un vero esame di maturità dal quale non potrà non uscirne promosso se vuole sperare di diventare un campione di questo sport. Stando ai commenti dei suoi ingegneri, ne avrebbe il potenziale. La recente vittoria nella Race of Champions rappresenta già una piccola conferma.

    Lotus: Grosjean confermato per il 2013

    Sul sito ufficiale della Lotus compare la notizia: Romain Grosjean sarà il compagno di squadra di Kimi Raikkonen per la stagione 2103 di Formula 1. “E’ fantastico per me continuare con la Lotus anche nel 2013 – è stato il commento del pilota transalpino – Non vedo l’ora di ripagare la loro fiducia in pista sin dal primo Gran Premio della prossima stagione in Australia. Nella mia prima stagione completa in F1 ho imparato molto ed il mio obiettivo sarà quello di mettere in pratica queste lezioni con prestazioni più solide e consistenti. Sono emozionato nell’attesa dell’arrivo della nuova macchina. Ci sono sviluppi interessanti per la E21″, ha concluso.

    Force India verso Sutil, Marussia punta su Chilton

    Anche altri team stanno chiudendo le ultime trattative per i loro piloti. Sul fronte Marussia, è confermato l’arrivo di Max Chilton come compagno di Timo Glock. Il britannico, messosi in luce nella GP2, era già terza guida nel 2012. Per quanto concerne il più interessante sedile della Force India, registriamo la crescita delle possibilità di rivedere Adrian Sutil. Il tedesco era stato fatto fuori anche per problemi disciplinare legati ad una condanna a 18 mesi con la condizionale per una rissa con Eric Lux della Lotus. “Ho fatto tutte le verifiche e, nonostante la mia pena, non ho alcun problema a viaggiare nei Paesi interessati dal calendario della F1. Ora tutto dipende da Vijay (Mallya, boss Force India ndr). Lui mi conosce e sa come lavoro. Spera voglia mettere me nel suo abitacolo”, ha dichiarato Sutil sul sito della Race of Champions. L’alternativa più credibile al tedesco è quella di Jules Bianchi, supportato dalla Ferrari. Sembra sfumare, invece, le possibilità di vedere in azione l’italiano Davide Valsecchi. Il campione della GP2 2012 sperava di soffiare il posto a Grosjean. Ora dovrà ambire, al massimo, ad un ruolo di terza guida. Salvo clamorosi colpi di scena.