F1 2013, McLaren: Di Resta ha rischiato di soffiare il posto a Perez

da , il

    F1 2013, McLaren: Di Resta ha rischiato di scippare il posto a Perez

    E’ direttamente Paul di Resta, felicemente accasato da un anno alla Force India, a raccontare l’aneddoto. L’approdo di Sergio Perez alla McLaren in sostituzione di Lewis Hamilton, per quanto repentino, non è stato per nulla estemporaneo. Gli uomini di Woking hanno valutato a lungo le opportunità tra le quali spiccava la figura del driver scozzese. Alla fine l’ha spuntata il messicano… ma di poco. “Purtroppo i soldi in questo sport contano – ha ammesso Di Resta - e Perez ha avuto un valido sostegno”. A ben vedere, forse la vera notizia è che anche la McLaren va in cerca di piloti paganti?

    Di Resta: “McLaren mi ha cercato ma Perez aveva più soldi”

    Non è un mistero che alla McLaren piaccia Di Resta. “Siamo stati vicini ed abbiamo parlato ma in questo sport conta anche il lato economico“, ha ricordato il pilota della Force India. Sergio Perez può contare sin dai suoi primi anni di carriera sul supporto del patron della Telmex, Carlos Slim, semplicemente uno degli uomini più ricchi del pianeta e grande appassionato di corse automobilistiche. “Ho un gran rapporto con la McLaren e sono stato pilota Mercedes per molto tempo. So che Martin Whitmarsh ha stima nei miei confronti. Forse in futuro ci potrà essere un’altra possibilità”, ha concluso lo scozzese.

    Force India: DI Resta senza compagno di squadra

    Meno male che Paul Di Resta non ha lasciato la Force India. Altrimenti ora sarebbero due i sedili da dover rimpiazzare per Vijay Mallya. Quello rimasto libero dopo il passaggio di Nico Hulkenberg alla Sauber non ha ancora un nuovo nome. Secondo Di Resta la situazione comincia ad essere alquanto anomala:“Sono sorpreso non sia stato ancora annunciato nulla. Il team voleva risolvere la cosa in poco tempo ma evidentemente è successo qualcosa “, ha ammesso a Sky Sports. I nomi in lizza sono sostanzialmente due: da una parte c’è l’ex Adrian Sutil; dall’altra Jules Bianchi, personaggio spinto fortemente dalla Ferrari e dalla famiglia Todt. Purtroppo, però, il francese nonostante il grande supporto non è riuscito ad imporsi in modo autorevole nelle due stagioni di GP2 disputate. Nel 2012 ha ricoperto il ruolo di terzo pilota Force India prendendo parte ad alcune sessioni di prove libere.

    McLaren: il messicano chiama lo spagnolo

    Tra Di Resta e Perez l’ha spuntata il messicano il quale, una volta arrivato a Woking, ha già fatto una prima richiesta importante. Per ambientarsi meglio, vorrebbe un collega latino al suo fianco. Secondo quanto riportato dalla testata spagnola El Mundo, l’ex pilota Sauber avrebbe invitato la McLaren ad ingaggiare nuovamente come test driver Pedro De La Rosa. Il pilota 42enne è rimasto a piedi dopo il fallimento della HRT. La trattativa è aperta ma non scontata. Pedro ha varie richieste per ricoprire questo ruolo e, all’interno della sua vecchia scuderia, pare che non tutti siano disposti ad accoglierlo nuovamente a braccia aperte dopo che le loro strade si sono già divise – per la seconda volta – a fine 2011.