F1 2013, McLaren: Perez “Non chiedo scusa a Button”

F1 2013: non è ancora guerra in McLaren tra Perez e Button

da , il

    F1 2013, McLaren: Perez "Non chiedo scusa a Button"

    Il clima non è burrascoso in casa McLaren. Sergio Perez, però, non ha nessuna voglia di buttare acqua sul fuoco dopo il duello in famiglia che ha infiammato l’ultimo Gran Premio del Bahrain. A fine gara Jenson Button aveva criticato il compagno di box ammettendo, successivamente, di aver ricevuto delle scuse. Questa la replica del messicano:“Ho letto su molti giornali che avrei chiesto scusa a Jenson, ma non è così. Non ho chiesto scusa a lui perché non ne vedo il motivo. L’ho fatto, invece, nei confronti del team perché con il nostro comportamento aggressivo abbiamo messo a rischio il risultato della squadra”.

    Perez: “Più pressione in McLaren”

    Sergio Perez ha capito cosa voglia dire far parte di un top team. A rendere ancor più complicata la sua posizione è l’avere un’intera nazione, il Messico, a tenerlo sempre sotto osservazione e un’altra realtà, la Gran Bretagna, a guardarlo con sospetto. “All’inizio non è stato facile – Autosport riporta le sue ultime dichiarazioni – Sono in un team inglese con un compagno inglese e la stampa inglese è sempre molto dura con me”. Le critiche non sono mancate per lui che in Bahrain ha finalmente dimostrato un po’ del suo potenziale chiudendo la gara davanti a Jenson Button:“Penso che la fase più difficile sia alle spalle. Non ho mai perso la fiducia nelle mie capacità. Ho dimostrato che posso fare bene”.

    Button: “Nessun problema con Perez”

    Perez l’ha malmenato in pista, Button ha risposto a motori spenti definendo il comportamento del collega “esagerato”. Poi l’inglese ha voluto chiudere lì la polemica. Stuzzicato dai giornalisti, ha dichiarato:“Penso che sia un bene essere liberi di lottare tra di noi visto che non in tutte le squadre questo è consentito ma non dobbiamo approfittarne troppo. Alcune cose che ho detto sono stata mal interpretate perché erano dirette alla squadra. Con Sergio il rapporto è OK”.

    McLaren: Ron Dennis si defila

    Dalla Germania parlano di un Ron Dennis sempre più lontano dai centri decisionali della McLaren. A causa delle perdite della sezione Automotive del Gruppo, gli azionisti arabi della Mumtalakat Holding avrebbero chiesto il suo allontanamento. Un portavoce di Woking, parlando alla BBC, ha confermato il passo indietro di Dennis giustificandolo, però, come una scelta personale dell’ex boss. Smentita, invece, l’eventualità che Martin Whitmarsh sia sollevato dal proprio ruolo di team principal dopo gli scarsi risultati ottenuti.