F1 2013, Mercedes accoglie Paddy Lowe: già operativo tra 2 settimane

da , il

    F1 2013, Mercedes accoglie Paddy Lowe: già operativo tra 2 settimane

    Dopo 6 mesi lontano dalla Formula 1 e – soprattutto – da Woking, Paddy Lowe ha finito il periodo di “gardening” (come lo chiamano gli inglesi) e si appresta ad entrare a tutti gli effetti nell’organico della scuderia Mercedes. Aver ingaggiato l’ex direttore tecnico della McLaren è un vero colpaccio per i tedeschi che lo faranno lavorare, almeno per il momento, a fianco di Ross Brawn anziché – come molti avevano supposto – in sua sostituzione. Il giorno clou è il 3 giugno, vale a dire tra due settimane esatte. Lowe, si legge in un comunicato della Mercedes, avrà il ruolo di direttore tecnico esecutivo mentre Brawn resterà il capo di tutto lo squadrone in qualità di team principal.

    Fa un certo effetto pensare che adesso a Brackley lavoreranno fianco a fianco Paddy Lowe e Aldo Costa. Sono stati loro a dividersi i successi e contendersi il primato nel periodo pre-Red Bull dei duelli tra Ferrari e McLaren. Qualche differenza tra i due c’è: l’italiano è stato chiamato sottovoce come personaggio di secondo piano dopo che il Cavallino Rampante l’aveva, secondo alcuni ingiustamente, scaricato; l’inglese, invece, approda con tutto il clamore che può suscitare una prima donna. “Sono entusiasta di entrare a far parte di uno staff tecnico di grande talento e capacità – sono state le prime parole di Lowe - Sono stati capaci di produrre la macchina più veloce del 2013 e, in ottica 2014, avremo l’opportunità di massimizzare le sinergie a disposizione di un costruttore come Mercedes. Ho già lavorato a stretto contatto con loro per quasi 20 anni e ho sempre ammirato l’impegno della società per la Formula 1“.

    Mercedes commenta le modifiche alle gomme della Pirelli

    Tema caldo del momento è la modifica agli pneumatici che la Pirelli farà già dal GP del Canada in programma a giugno. Il direttore del team di Brackley, Toto Wolff, la vede così:“Non ci aspettavamo cambiamenti che ci favorissero. L’unico punto importante è la sicurezza. Ci sono stati pneumatici delaminati e questo non è piaciuto a nessuno. Quando le gomme saranno sicure, allora spetterà a noi farle funzionare al meglio”.

    FOTOGALLERY: SCHUMACHER TORNA A GUIDARE UNA FORMULA 1

    BMW esclude il ritorno dalla Formula 1

    Mentre la Mercedes accresce la propria potenza di fuoco in Formula 1, la BMW smentisce ogni ipotesi di ritorno. Bernie Ecclestone aveva dichiarato:“Sarei sorpreso di non vedere la BMW in F1 a breve termine. Penso che potrebbero tornare nel giro”. Dalla Baviera Jens Marquardt parla così:“Non so con chi abbia parlato. Noi siamo pienamente impegnati con successo nel DTM, oltre che nelle GT, nell’ALMS. Non vogliamo guardare altrove. Ci siamo ritirati dalla Formula 1 con cognizione di causa. Perché dovremmo cambiare qualcosa che sta funzionando? Il cambio di regolamenti ha interessato la Honda ma non noi”.