F1 2013, Red Bull: Marko vuole Ricciardo al posto di Webber! Horner: “Decido io”

da , il

    F1 2013, Red Bull: Marko vuole Ricciardo al posto di Webber!

    Manca ancora molto alla fine della stagione 2013 di Formula 1 ma in Red Bull sono già cominciate le grandi manovre per la sostituzione di Mark Webber. L’australiano è arrivato al capolinea. I pessimi rapporti con Sebastian Vettel rappresentano un boccone difficile da digerire per l’intera squadra che, forse neanche troppo a malincuore, sta cercando un suo sostituto. Neanche troppo a malincuore perché, dobbiamo ammetterlo pensando ad Helmut Marko, l’ideale è avere in squadra gente giovane e proveniente dal vivaio. Non a caso le quotazioni di Daniel Ricciardo sono in crescita spaventosa.

    Ricciardo al posto di Webber

    Sì è parlato di Kimi Raikkonen in Red Bull a fianco di Sebastian Vettel. Ipotesi affascinante ma, ad oggi, piuttosto campata in aria. Più realizzabile e preferita è l’opzione Daniel Ricciardo. Il pilota australiano ha uno sponsor di valore inestimabile: Helmut Marko. Il responsabile del vivaio Red Bull ha dichiarato:“Sono molti i piloti che vogliono guidare per noi e noi ne abbiamo due giovani e bravi. Ricciardo è al momento il migliore mentre Vergne è troppo irruento e le gomme a volte gli presentano il conto. Ad ogni modo, non abbiamo fretta di decidere”. Interrogato sul tema, Ricciardo si è mostrato agguerrito:“So cosa devo fare per avere un posto alla Red Bull. Voglio dimostrare che il settimo posto di Shanghai non è stato un caso. Ho tanta pressione addosso ma questo mi incentiva a fare bene. Il mio obiettivo è avere la promozione. Sta a me farcela”.

    Horner: “Non decide Marko”

    Intervistato da Autosport, Christian Horner ha affrontato l’argomento spinoso del futuro di Mark Webber e del nome del suo eventuale sostituto. Lo ha fatto non tanto per dire la sua o lanciare qualche ghiotta anticipazione in merito ai piani della scuderia austriaca ma, semplicemente, per ridimensionare il ruolo di Helmut Marko:“Sono io ad avere il pieno controllo delle operazioni in pista e in fabbrica e, in caso di decisioni importanti, devo confrontarmi con Dietrich [Mateschitz, boss Red Bull, ndr] – ha precisato il team principal – Helmut, invece, si occupa dei giovani piloti e non ha alcuna voce in capitolo per quanto riguarda la gestione del team che resta un settore indipendente”.

    Webber: “Presto per dire che lascio”

    Un’altra domanda senza risposta è la seguente: che fine farà Mark Webber dopo aver perso il posto in Red Bull? In molti lo danno per vicino alla Porsche, lanciato come punta di diamante nella nuova avventura della Le Mans Series. Lui fa spallucce:“Aspetto il momento giusto - ha parlato sul sito ufficiale della Red Bull commentando un suo eventuale ritiro dalla Formula 1E’ una decisione difficile da prendere. Non sono ancora convinto, perché significa allontanarsi dal vertice del motorsport dopo aver assecondato la propria natura ed esserci arrivato”.