F1 2013, Red Bull: “Solo noi abbiamo le palle per criticare la Pirelli”, Mercedes crede nel titolo

A molti non è piaciuto l'andazzo della stagione 2013 di Formula 1

da , il

    F1 2013, Red Bull: "Solo noi abbiamo le palle per criticare la Pirelli",

    A molti non è piaciuto l’andazzo della stagione 2013 di Formula 1. Per questa ragione: c’erano dei team che bene andavano ad inizio stagione ed altri che faticavano. Tra i secondi citiamo Mercedes e Red Bull. Dopo un po’ di polemiche, però, sono proprio questi due a giocarsi il titolo mondiale. Non prima che i tedeschi abbiano effettuato un test di 1000 km vietato dal regolamento e gli austriaci si siano sperticati in critiche tali da costringere la Pirelli a cambiare mescole e costruzione degli pneumatici. Beffa delle beffe, Christian Horner esce allo scoperto mostrandosi persino fiero della sua capacità di manipolare gli eventi a proprio favore:“Non siamo stati politicamente corretti – ha ammesso ad Autosport – abbiamo avuto le palle per dire in pubblico quello che altri dicevano solo in privato”.

    Red Bull: “Non so se la Pirelli ci ha aiutato”

    Horner si pregia di aver criticato la Pirelli senza peli sulla lingua ma non ammette di aver avuto favoritismi:“Abbiamo avuto una posizione ferma e, fortunatamente, qualcosa è accaduto. Non sapevamo, però, se i cambiamenti sarebbero stati a nostro vantaggio oppure no”. A dirla tutta, in ogni caso, era facile prevedere che la Red Bull non avesse molto da perdere e/o rischiare da un ritorno al passato degli pneumatici. Secondo il team principal degli austriaci, ad ogni modo, il quadro generale è rimasto immutato:“Non credo sia cambiato nulla in verità – ha aggiunto – è stato fatto solo il bene della Formula 1. Dal canto nostro, sapevamo di avere una macchina veloce da subito ma le gomme erano troppo determinanti. Non era giusto per i piloti guidare in certe condizioni con il rischio che gli pneumatici si danneggiassero. Il fatto che da Silverstone in poi abbiamo vinto tre gare non vuole dire nulla”.

    Mercedes: “Seconda metà della stagione alla grande”

    Altro team sbocciato come un fiore da quando la Pirelli ha rimesso mano alle proprie gomme è la Mercedes. Ora a Brackley pensano persino di poter impensierire la Red Bull e, per questa ragione, hanno deciso di proseguire con lo sviluppo della monoposto del 2013. Hamilton deve recuperare 48 punti a Vettel. “Porteremo molte novità a Spa-Francorchamps che ci faranno fare un ulteriore passo in avanti - ha dichiarato Ross Brawn ad Autosport – le prossime due gare sono previste su piste veloci che normalmente esaltano le caratteristiche del nostro pacchetto. A breve dovremo decidere quanto ancora dedicarci allo sviluppo della monoposto del 2013 o virare su quella del 2014. Fortunatamente ci sono delle evoluzioni che possono interessare entrambi i progetti. In ogni caso, credo che la seconda metà dell’anno in corso sarà migliore della prima. Siamo ben organizzati e non credo che lasceremo delle occasioni per strada”, ha concluso il britannico.