F1 2013, Red Bull: Webber minaccia l’addio, Mateschitz bacchetta Vettel!

da , il

    GP F1 2013, Red Bull: Webber minaccia l'addio, Mateschitz bacchetta Vettel!F1 2013   La gara

    Dietrich Mateschitz, boss della Red Bull, ha ammesso di “non essersi divertito” di fronte allo spettacolo fornito da Sebastian Vettel nel Gran Premio di Malesia 2013 di F1. Secondo, altri, vedi Gerhard Berger – invece – il tre volte iridato non avrebbe fatto altro che dimostrare di avere un istinto da vero campione insaziabile. Non tutti sanno che la situazione è persino degenerata nel dopo gara tanto da convincere Mark Webber a lasciare immediatamente il team. La rabbia dell’australiano è tanto nei confronti del compagno di squadra quanto contro il suo muretto box che non ha obbligato Vettel a restituire la posizione rubata.

    Webber poteva non esserci nel prossimo GP

    Tutto si è risistemato. Si fa per dire. Qualche intruso all’interno del team Red Bull sostiene che Webber abbia persino dato una stretta di mano a Vettel. Tuttavia i rapporti tra loro non saranno più come prima. Potevano, addirittura, non esserci più. Punto e basta. L’australiano si era convinto a lasciare la scuderia austriaca con effetto immediato. Voleva alzare un serio polverone. Poi lo hanno convinto a ricredersi. A confermare che adesso l’intenzione è quella di provare a ricomporre la frattura è Alan Webber, padre di Mark:“In Cina ci saremo”, ha confermato alla Australian Broadcast Corporation. A supporto dell’australiano, Horner ha aggiunto:“La nostra posizione è chiara. Mark sa che non c’è stato nessun complotto. Quindi non vedo perché debba dar retta ancora alle emozioni provate a caldo”.

    Briatore, manager di Webber, critica la Red Bull

    Stavolta Flavio Briatore ha veramente voce in capitolo. Da quando ha lasciato la F1 come team manager, ha sempre amato mettere il becco in tanti argomenti che non lo riguardavano. Stavolta ci sta tutto il suo intervento. “Penso che a questo punto non esista più un rapporto tra i due piloti - ha dichiarato il manager di Webber alla RAI – credo che non ci sarà più collaborazione reciproca tra i due nonostante Vettel si dica disposto ad aiutarlo”. E’ il geometra di Cuneo ad intravedere un possibile divorzio tra uno dei due piloti e la Red Bull:“Penso che uno dei due dovrebbe cambiare aria. Il vero guaio è che la Red Bull ha permesso a Vettel di diventare il vero boss del team ma non puoi essere team manager e pilota contemporaneamente”. Briatore, quindi, se la prende con Horner:“Se ci fosse stato un capo con le p***e, avrebbe fatto cambiare nuovamente le posizioni, purtroppo su quel muretto ci sono due persone [Horner e Newey] che hanno sempre paura che Helmut Marko vada a riferire al proprietario Dietrich Mateschitz. Sono impauriti”. Secondo l’ex team principal della Renault, anche il fatto che sul podio sia salito Newey, dimostrerebbe la debolezza del capo della scuderia.