F1 2013, test Jerez 2a giornata: Grosjean davanti a tutti, Ferrari con nuovi scarichi [FOTO e VIDEO]

da , il

    Tocca a Romain Grosjean su Lotus firmare la classifica dei tempi più veloci nei test di Jerez. Il pilota francese ha mostrato l’ottimo potenziale della vettura inglese, girando con facilità sul piede del 1’18″. Lavoro diverso per Red Bull e Ferrari, impegnate a valutare le gomme Pirelli e mai alla ricerca del tempo. Sulla F138 in particolare si sono viste due modifiche, agli scarichi e nella carrozzeria ai lati del cockpit. Chi non sorride è la Mercedes, anche oggi costretta a terminare in anticipo le prove, dopo appena 15 giri. Hamilton è andato a sbattere a causa di un guasto all’impianto frenante dopo che ieri Rosberg era rimasto appiedato da un problema elettrico.

    Domani terza giornata con Pedro de la Rosa e Sebastian Vettel al volante di Ferrari e Red Bull.

    17:00 - Le prove si chiudono con una bandiera rossa causata dalla Lotus di Grosjean, rimasta ferma sul rettilineo che porta alla curva Dry Sac, dove in mattinata ha avuto l’incidente Hamilton. In contemporanea, stop anche per la Sauber di Hulkenberg.

    Classifica tempi prove F1 2013 Jerez – 2a giornata

    1. Romain Grosjean -Lotus -1’18″218 95 giri

    2. Paul di Resta -Force India -1’19″003 (+00″785) 95

    3. Daniel Ricciardo -Toro Rosso -1’19″134 (+00″916) 83

    4. Mark Webber -Red Bull -1’19″338 (+01″120) 101

    5. Nico Hulkenberg -Sauber -1’19″502 (+01″284) 99

    6. Lewis Hamilton -Mercedes -1’19″519 (+01″301) 15

    7. Sergio Pérez -McLaren -1’19″572 (+01″354) 81

    8. Felipe Massa -Ferrari -1’19″914 (+01″696) 78

    9. Pastor Maldonado -Williams -1’20″693 (+02″475) 71

    10. James Rossiter -Force India -1’21″273 (+03″055) 19

    11. Giedo Van der Garde -Caterham -1’21″311 (+03″093) 88

    12. Luiz Razia -Marussia -1’23″537 (+05″319) 31

    16:30 – A spiegare in maniera semplice perché l’effetto Coanda è così importante nel direzionamento dei gas di scarico verso il diffusore, e come possa essere utile un profilo alare all’interno dei condotti sulle pance, ci pensa un semplice video. Di fatto, la presenza delle alette svolge lo stesso compito della rampa introdotta lo scorso anno da Newey.

    16:15 – Mentre la seconda giornata di prove a Jerez si avvia verso la conclusione, prevista alle 17:00 italiane, c’è già maretta tra i team, con voci che vorrebbero chiarimenti da parte di alcuni team sulla soluzione degli scarichi adottata dalla Caterham, in particolare il posizionamento di un’appendice aerodinamica nei condotti sulle pance.

    Ecco il particolare degli scarichi provati oggi da Massa, con un profilo alare simile alla Caterham e pensato per convogliare al meglio i gas verso il basso. Facile immaginare che possano arrivare anche delle paratie ai lati delle pance collegate con il cockpit, con il compito di pulire i flussi nella parte superiore delle fiancate e creare l’effetto lavaggio per ottimizzare l’intero sistema.

    scarichi ferrari 3

    15:30 – Termina la simulazione con gomme medie Massa. Dodici giri con tempi tra 1’20″203 e 1’24″557. Il brasiliano ha perso 3.3 secondi in 10 giri, mentre Perez 3.2 ma con riferimenti molto più alti (da 1’23″1 a 1’26″3).

    15:10 - Le ultime da Jerez dicono di Romain Grosjean ancora rapidissimo. Il francese ha montato un set di gomme morbide e ha ottenuto il tempo di 1’18″218, seguito poi da un giro lento e altri due da 1’19″ e 1’21″. Felipe Massa ha iniziato un long run.

    14:40 – Molti piloti sono impegnati in long run più o meno ampi. Webber (56 giri complessivi) ha messo in sequenza 8 tornate sul piede del 1’22″ medio, per chiudere a 23″ alto. Perez con la McLaren su 5 giri ha iniziato a 1’19″9 e chiuso a 1’22″8 (45 giri finora), Grosjean sempre 5 giri tra 1’18″8 – miglior giro finora – e 1’21″2.

    scarichi caterham

    14:10 - Ancora un video con le monoposto in azione. La temperatura intanto è cresciuta fino a 25° C sull’asfalto. Quanto agli scarichi parzialmente modificati della Ferrari, ospitano un profilo alare nel condotto, quello fino allo scorso anno identificabile come Acer ducts, dal nome dello sponsor. Nel dettaglio è una soluzione adottata anche sulla Caterham e dovrebbe aiutare a “guidare” i gas fino al diffusore. Vedremo se la strada sarà questa o l’evoluzione di Barcellona, all’ultimo test, andrà in tutt’altra direzione.

    F1 Test Jerez 2013 – Dia 2 – Toma de curvas… di SergioEnrique_AragnCatali

    13:45 - I primi due giorni in Mercedes si chiudono con 30 giri all’attivo. Anche per oggi il box resterà chiuso e la W04 all’interno, per sostituire l’impianto frenante. In Ferrari, confermata una configurazione parzialmente diversa degli scarichi rispetto alla giornata inaugurale. Attualmente sono in pista solo Grosjean (56 giri finora) e Maldonado. La classifica si aggiorna con l’inserimento di Di Resta alle spalle del francese, in grado di migliorare ancora il crono e portarlo fino a 1’18″810.

    12:45 - Brutte notizie per Hamilton e la Mercedes. Nell’impatto si è danneggiata la sospensione anteriore sinistra e gli elementi aerodinamici. Al momento fanno sapere dal box che non conoscono il momento del rientro in pista. Tanto lavoro da fare all’orizzonte…

    Altra bandiera rossa sul tracciato, è Razia a restar fermo sul rettilineo di partenza.

    Classifica tempi

    1. Grosjean 1’18″828

    2. Ricciardo +0.306

    3. Webber +0.510

    4. Hulkenberg +0.674

    5. Hamilton +0.691

    6. Di Resta +0.721

    7. Perez +0.744

    8. Massa +1.086

    9. Van der Garde +3.088

    10. Razia +4.709

    11. Maldonado +8.296

    12:15 - Felipe Massa finalmente mette insieme qualche giro in sequenza, ottenendo subito 1’19″914, poi due tornate sul 1’20″ basso e alto. Anche Webber migliora e abbassa il proprio riferimento a 1’19″533. Al momento sono gli unici due piloti in pista. La Ferrari è impegnata a quanto emerge nella valutazione di diverse configurazioni degli scarichi, il che giustificherebbe il montaggio dei sensori davanti alle ruote posteriori. Lo stint di Massa è andato avanti fino a 9 giri lanciati, compresi tra 1’20″ alto e 1’21″1.

    12:00 – Tra i piloti impegnati in stint più o meno lunghi c’è Webber, autore di 7 giri sul piede del 1’22″ alto, mentre Perez ne ha inanellati sei con una media di 1’20″9. E mentre a Jerez si gira in pista, Fernando Alonso gira su strada, proseguendo l’allenamento fisico in bicicletta. L’asturiano ha coperto 108 km a bassa intensità, più di quanti non ne abbia fatti la F138 stamane.

    alonso si allena

    11:45 - Confermato il problema tecnico sulla Mercedes di Hamilton. Si è trattata di una perdita di pressione sui freni al retrotreno.

    11:35 - La classifica dei tempi finora vede:

    1. Grosjean 1’19″080

    2. Ricciardo +0.054

    3. Hulkenberg +0.422

    4. Hamilton +0.439

    5. Perez +0.492

    6. Di Resta +0.551

    7. Webber +0.841

    8. Van der Garde +3.261

    9. Razia +5.318

    10. Maldonado +8.044

    11. Massa +20.617

    La lunga sosta ai box di Massa è stata spiegata dalla Ferrari con la necessità di riposizionare i sensori di rilevamento sulla F138. Quanto alla Mercedes, i segni sull’asfalto e nella via di fuga, senza nessuna manovra di correzione da parte del pilota, lasciano la porta aperta al guasto tecnico. Fatto sta che ieri le prove si sono chiuse dopo 11 giri, oggi Hamilton è costretto a interrompere dopo 15 tornate, in attesa che venga riparata la W04.

    11:15 - Alla presentazione in Rete erano circolate due versioni della carrozzeria della Lotus E21. Quella ufficiale, con scalino sul muso e airscope tradizionale e un’altra con vanity panel e “orecchie” del Drs passivo. Oggi a Jerez Grosjean sta girando con una versione che indica la presenza del sistema ma dalle dimensioni molto più piccole rispetto al 2012. Il francese ottiene anche il miglior tempo (1’19″080) e sta mettendo uno stint che finora conta tre passaggi, tutti sul piede del 1’19″ basso.

    Recuperata la Mercedes di Hamilton sono riprese le prove, con Di Resta, Ricciardo e Webber i più attivi: 31, 23 e 21 giri rispettivamente. Solo 12 tornate per Massa.

    Lotus, Grosjean

    10:51 – Interruzione delle prove per un fuoripista di Hamilton, fermo nella ghiaia alla fine del rettilineo più veloce del circuito. La Mercedes W04 ha toccato le barriere e potrebbe esserci un guasto all’origine dell’incidente, con la monoposto dritta nella ghiaia. L’inglese aveva in precedenza migliorato il proprio tempo ed è secondo a 32 millesimi da Ricciardo.

    hamilton fuoripista

    10:45 - La Williams è l’unica scuderia a girare con la monoposto 2012, ma le modifiche sono evidenti, con tanti componenti del nuovo progetto. Livrea a parte, è il musetto a essere diverso, con il team di Grove impegnato a verificare l’andamento dei flussi sulle paratie esterne dell’ala anteriore e dietro le ruote.

    Nel frattempo i tempi vedono un’evoluzione, con Perez che risale al terzo posto e Ricciardo davanti a tutti.

    1. Ricciardo -Toro Rosso- 1:19.487

    2. Webber -Red Bull- (+0.434)

    3. Perez -McLaren- (+1.222)

    4. Grosjean -Lotus- (+1.442)

    5. Hulkenberg -Sauber- (+1.617)

    6. Hamilton -Mercedes- (+2.575)

    7. Razia -Marussia-

    8. van der Garde -Caterham-

    9. Di Resta -Force India-

    10. Maldonado – Williams-

    11. Massa -Ferrari-

    Williams nuovo musetto

    10:15 – Mark Webber ha migliorato il proprio tempo, realizzando 1’20″257. Dopo una fase di stallo in pista, con gli spunti più interessanti che arrivano delle modifiche apportate alle monoposto, si preparano Webber, Ricciardo, Grosjean, Van der Garde, Di Resta, Maldonado e Massa. Proprio dalla Ferrari arrivano spunti interessanti, con il brasiliano che sta girando con una F138 piena di sensori nella zona degli scarichi, oltre a montare una carrozzeria in parte modificata ai lati del cockpit, con degli sfoghi d’aria ieri assenti e già visti lo scorso anno sulla Red Bull. Paul Hembery, nel frattempo, fa sapere che a causa delle temperature molto basse sulle gomme dure c’è del graining, con la situazione che migliorerà dopo mezzogiorno quando sono attesi oltre 20° C.

    scarichi ferrari, Massa

    9:45 - Ricciardo resta fermo in pista, alla chicane, provocando la prima bandiera rossa della mattinata. L’australiano è tra i più attivi, con 8 giri completati e guida la provvisoria classifica dei tempi con 1’21″1 davanti a Mark Webber. Bandiera verde e debutto sulla McLaren per Sergio Perez.

    Sergio Perez McLaren

    9:15 - Primi installation lap completati da tutti i piloti, compreso Lewis Hamilton, oggi al debutto sulla Mercedes W04. Un altro “deb” si affaccia a Jerez, è Luis Razia, confermato come secondo pilota della Marussia, in sostituzione di Timo Glock. Temperature molto basse, appena 6° C nell’aria e 8° C sull’asfalto.