F1 2013, test Jerez: Ferrari F138 lenta per scelta!

da , il

    F1 2013, test Jerez: Ferrari F138 lenta per scelta!

    La Ferrari non emerge neanche nella classifica dei tempi della seconda giornata di test invernali del 2013. A Jerez, Felipe Massa deve accontentarsi dell’ottavo tempo ad oltre un secondo e mezzo dalla vetta. Eppure la scuderia italiana fa sapere che va bene così. Il lavoro si è concentrato principalmente sulla raccolta dati e sulla valutazione di nuove soluzioni aerodinamiche tra le quali spicca già un nuovo sistema di scarichi e un nuovo fondo. Colpisce anche la presenza di prese d’aria nell’abitacolo. Nonostante il clima fresco, già ieri Massa si era lamentato di problemi di surriscaldamento. Se per adesso questo aspetto può passare in secondo piano, va sicuramente risolto entro le prime gare della stagione. Altrimenti, non vorremmo essere nei panni dei piloti Ferrari che dovranno affrontare, ad esempio, il prossimo Gran Premio di Malesia. Ma, si sa, i test servono anche per risolvere problemi di questo tipo.

    Ferrari, Massa:”Lavorato al 100% su scarichi e aerodinamica”

    Non guarda il cronometro Felipe Massa. Non lo fa nessuno all’interno della Ferrari. Il lavoro procede a testa bassa sulla F138 con un programma ben preciso da rispettare. Alla fine il brasiliano ha completato 78 giri con il migliore in 1’19”914 ad oltre un secondo e mezzo dalla Lotus di Grosjean che ha chiuso al comando la seconda giornata di test di Jerez. “Ci siamo concentrati solo su aerodinamica e scarichi. Nella sessione del mattino non ho completato neppure un giro cronometrato perché abbiamo lavorato sulla raccolta dati a velocità costante e sull’analisi di diverse soluzioni aerodinamiche – ha spiegato Massa - C’è poi voluto più tempo del previsto per apportare alcune modifiche alla vettura ma sono comunque riuscito nel pomeriggio ad effettuare tre long run. Sono stati importanti per farci capire in che direzione andare nei prossimi giorni”. Per quello che si è potuto vedere dall’esterno, la parte più interessante del lavoro svolto sulla Ferrari F138 ha interessato il fondo vettura e gli scarichi. Questi ultimi hanno visto comparire un separatore che dovrebbe perfezionare l’ormai celebre effetto Coanda che canalizza al meglio i gas di scarico verso il diffusore.

    Red Bull, Webber: “Meglio di un anno fa”

    Nel 2012 la Red Bull c’ha messo un po’ di tempo prima di trovare il bandolo della matassa ed ammazzare per la terza volta di fila il campionato. Secondo Mark Webber, al volante anche della seconda giornata di test, l’inizio di 2013 è molto più confortante:“Sono soddisfatto della macchina e di me stesso: abbiamo completato ben 170 giri che in due giorni di vita rappresentano un bel risultato. Ho avuto sin da subito un buon feeling che mi ha consentito di spingere. Crediamo di avere una buona base su cui lavorare”. Domani, in occasione del terzo giorno di test, sarà il turno di Sebastian Vettel che guiderà per i restanti due giorni. L’australiano ha così finito il proprio lavoro lasciando una buona base al più titolato collega:“Avevamo un piano di lavoro ambizioso ma siamo riusciti a dare risposte a tutti i reparti del team. Abbiamo imparato molto rispetto a ieri e credo che domani Sebastian proseguirà in questa direzione. A differenza di altri, non siamo stati a guardare i tempi sul giro. Più importante è dire che sento di avere una macchina migliore rispetto a quella dello scorso anno in questo periodo”, ha concluso Webber.

    TUTTE LE FOTO DEI TEST DI JEREZ F1 2013