F1 2013, Vettel: in Spagna primo round per tentare la fuga

F1 2013: Vettel ha già 30 punti di vantaggio in classifica su Alonso

da , il

    F1 2013, Vettel: in Spagna primo round per tentare la fuga

    Nonostante in questo inizio di stagione 2013 di Formula 1 la Red Bull sia apparsa ben lontana dall’essere capace di ammazzare il campionato, Sebastian Vettel occupa già comodamente la testa della classifica mondiale con un vantaggio di ben 30 punti su quello che, sulla carta, resta il suo nemico più pericoloso: Fernando Alonso. Nel prossimo Gran Premio di Spagna, sul circuito di Barcellona, nessuno si aspetta brutte sorprese. La pista è talmente conosciuta da tutte le scuderie che sarà impossibile non tirare fuori il massimo dalla propria macchina. E chi pensate che sia il più veloce in pista su un tracciato che non riserva incognite e che esalta da sempre l’aspetto aerodinamico delle vetture di Formula 1?

    Vettel favorito per Barcellona

    Eh sì! E’ Sebastian Vettel il grande favorito per il Gran Premio di Spagna 2013 di Formula 1. Se Alonso e la Ferrari non si danno una mossa, domenica sera potrebbero avere un ritardo in classifica ancora più ampio. E allora saranno dolori. “Il circuito di Barcellona è del tutto interessante perché comprende tutti i tipi di curve con un buon mix. La mia parte preferita è il primo settore, perché ha curve veramente veloci – ha dichiarato Vettel sul sito f1.com – E’ buono tornare in Europa ed in particolare in Spagna. L’atmosfera è sempre speciale e normalmente c’è bel tempo. Non solo: anche i tempi di spostamento si riducono e non ci si deve più adattare al fuso orario”, ha concluso il pilota della Red Bull.

    Webber: avversario o spauracchio?

    Le prossime gare europee ci daranno molte risposte. Una delle più interessanti riguarda le ambizioni di Mark Webber. Il pilota beffato clamorosamente nel GP di Malesia sarà capace di restare attaccato al treno per il titolo mondiale? Se sì, sarà una brutta notizia per Vettel che dovrà vedersela con un odiato nemico che guida la sua stessa astronave. Se no, si semplificherà di molto il lavoro del pilota tedesco. Il punto è che, ad oggi, non è ben chiaro cosa possa sperare di combinare Webber. “Mi piace l’uscita della curva 2 e l’ingresso nella curva 3 - ha dichiarato l’australiano nella presentazione del GP di Spagna – mi piace anche la curva 13 perché è un po strana in quanto va a destra, in discesa, con un angolo cieco. E’ sempre bello tornare in Europa dove si respira una grande atmosfera”. Basterà quella per risvegliarlo? Solo con la rabbia e l’orgoglio ferito, caro Mark, si va poco lontano.